Renato Guttuso. L’arte rivoluzionaria nel cinquantenario del ’68

La GAM di Torino dedica una importante e mirata esposizione alla pittura di Renato Guttuso, presenza di forte rilievo nella storia dell’arte italiana del Novecento e figura nodale nel dibattito concernente i rapporti tra arte e società che, nel secondo dopoguerra, ha significativamente accompagnato un ampio tratto del suo cammino.

 

La mostra raccoglie e presenta circa 60 opere provenienti da importanti musei e collezioni pubbliche e private europee. Primeggiano alcune delle più significative tele di soggetto politico e civile dipinte dall’artista lungo un arco di tempo che corre dalla fine degli anni Trenta alla metà degli anni Settanta.

Guttuso_Boogie-woogie_MART_1500

Renato Guttuso, Boogie Woogie, 1953, MART (Museo di arte contemporanea di Trento e Rovereto)

Guttuso era stato, a partire dagli anni della fronda antifascista e tanto più nel secondo dopoguerra, un artista che, come pochi altri in Italia, si era dedicato con perseverante dedizione e ferma convinzione a ricercare una saldatura tra impegno politico e sociale ed esperienza creativa, nella persuasione che l’arte, nel suo caso la pittura, possa e debba svolgere una funzione civile e sia costitutivamente dotata di una valenza profondamente morale.

Indirizzo: Galleria d’Arte Moderna di Torino
Sito ufficiale: www.gamtorino.it

 

Luogo
Piemonte
Parole chiave
arte, Torino

Eventi simili

Eventi

Magister Canova

Veneto
Mostra
16 giugno —
22 novembre
Eventi

Pablo Picasso. I capolavori del Museo Picasso, Parigi

Liguria
Mostra
10 novembre —
6 maggio

  Newsletter