Save the Church – La chiesa di San Sebastiano in Vallepiatta

La Contrada della Selva a Siena ha deciso di affidarsi al web per raccogliere i fondi necessari per il restauro di alcune parti della sua chiesa di San Sebastiano.

 

Bandiera della Contrada della Selva

La campagna è attiva sul sito www.Indiegogo.com con l’obiettivo di raccogliere i 70mila euro necessari per i lavori di restauro.

In particolare sono gli affreschi – tra cui la Madonna di Francesco di Giorgio Martini – posti dietro l’altare che necessitano gli interventi più rapidi per non perdere e non vedere distrutti anni e anni di storia.

La storia

La chiesa di San Sebastiano in Vallepiatta è stata edificata (dal 1493 al 1510 circa) su iniziativa dell’arte dei tessitori, che la intitolarono al loro Santo Patrono.

awsqzhb1h8c2nyhyrypn

A sinistra: la chiesa di San Sebastiano in Vallepiatta / A destra: il Battistero, le sedi della Contrada della Selva

Recenti studi, molto accreditati, concordano sull’ipotesi che l’opera sia stata rielaborata da Peruzzi su progetto del grande architetto, pittore e scultore senese (nato peraltro, nel territorio della Contrada della Selva) Francesco di Giorgio Martini.

Il ciclo pittorico dell’Oratorio è stato realizzato da vari artisti, su commissione delle Monache Gesuate, le quali collegarono la chiesa (presumibilmente agli inizi del seicento) al loro monastero, mediante la costruzione di una scala d’accesso al piano inferiore riservato ai Tessitori (la cui arte fu soppressa nel 1777 ad opera di Pietro Leopoldo, Granduca di Toscana), In particolare Pietro Sorri, affrescò la tribuna dell’altar Maggiore e Giovanni Paolo Pisani, la Volta davanti alla Sacrestia, dipinse cioè “l’Assunzione” situata nell’abside destra dove ammiriamo la Pala dell’altare con “l’Adorazione dei Magi” attribuita ad Astolfo Petrazzi. Raffaello Vanni, infine, affrescò il braccio sinistro dove è raffigurata “l’Ascensione”. Sull’altare destro (sopra “l’Adorazione dei Magi” già citata) troviamo “l’Adorazione dei Pastori” affrescata da Giovanni Paolo Pisani.

Gli affreschi

Sull’altare sinistro, invece, è presente un “Crocefisso” cinquecentesco su tela di Rutilo Manetti, e nel catino corrispondente è raffigurata la “Resurrezione” opera di Raffaello Vanni. Nell’abside centrale il “Martirio di San Sebastiano” e nel braccio sinistro, sul pilastro destro, troviamo l’immagine di “Sant’Ansano” (Patrono di Siena), che subì il martirio a brevissima distanza dalla Chiesa stessa. A destra dell’altar Maggiore “Caterina Colombini” ed a sinistra “Giovanni Colombini”, ci ricordano come le Gesuate, officiarono, per lungo tempo, l’Oratorio.

Alla fine del settecento, la chiesa divenne proprietà dell’Ospedale di Santa Maria della Scala e della Compagnia dei Disciplinati.

ffbzcxwgrbtk6ah0bylv

Nel 1818, l’Arcivescovo di Siena, Anton Felice Zondadari donò alla Contrada il bassorilievo in stucco e terracotta del XV Secolo raffigurante la “Madonna col Bambino” (detta anche MATER MISERICORDIAE), proveniente (ma in passato patrimonio della famiglia Pecci) dalla Chiesa di Santa Margherita in Castelvecchio attribuita anch’essa (in tempi recenti) a Francesco di Giorgio Martini ed è l’opera sicuramente più preziosa contenuta nel nostro bellissimo Oratorio.

Qui sarà possibile vedere nel dettaglio quali interventi verranno realizzati e come. Sarà possibile effettuare la propria donazione e mettersi in contatto con gli organizzatori della campagna di crowdfunding.

È attiva inoltre la pagina Facebook della Contrada che verrà aggiornata costantemente sull’andamento del progetto.

 

Luogo
Toscana
Parole chiave
chiese, Siena

Materiali simili

Arte e Cultura

San Maurizio al Monastero Maggiore: la ‘Cappella Sistina’ di Milano

Lombardia
Mostra
Dove Andare

Il Palio di Siena

Toscana
Mostra
Dove Andare

Il culto ortodosso sino a Lecce: la Chiesa Greca

Puglia
Mostra
Arte e Cultura

La Chiesa di Saccargia – Un capolavoro del romanico-pisano

Sardegna
Mostra
Dove Andare

Santuario di Oropa: domus et ecclesia nel cuore delle Alpi

Piemonte
Mostra
Arte e Cultura

Le Chiese Rupestri del Materano

Basilicata
Mostra
Arte e Cultura

  Newsletter