Il borgo delle candele: Candelara

Situato nel cuore delle Marche a 180 metri sopra al livello del mare, il medievale borgo di Candelara è famoso per il suo unico mercatino delle candele di Natale.

 

Candele che sono anche all’origine del nome del paese. Tuttavia, questo borgo, che conta solo 1200 abitanti e si trova a pochi chilometri da Pesaro, merita una visita in qualsiasi periodo dell’anno.
Il borgo è fiancheggiato da valli, vigneti, uliveti e boschi di querce. Da qui si possono ammirare sia il mare Adriatico che la catena montuosa degli Appennini con i monti Catria, Carpegna e Nerone.

candelara_m3

© candelara.it

Si ritiene che Candelara fosse abitato già in epoca preistorica; sul suo territorio si trovano spesso reperti risalenti all’antica epoca romana. Successivamente questa regione passò sotto il dominio dell’imperatore Barbarossa, della famiglia dei condottieri riminesi Malatesta e di Federico da Montefeltro, duca di Urbino, raffigurato nel famoso dittico di Piero della Francesca.

Oltre che per i paesaggi, il paese attrae i visitatori per il suo castello: per raggiungerlo è necessario attraversare un ponte in mattoni, che sostituisce un vecchio ponte levatoio in legno. All’interno della torre dell’orologio, è possibile vedere in azione un intricato meccanismo di orologeria. Degne di nota sono anche la Chiesa di S. Lucia e Villa Almerici, realizzate da Luigi Vanvitelli, architetto della Reggia di Caserta.

© candelara.it

Il mercatino delle candele a Candelara è uno degli eventi natalizi più emozionanti in Italia. Per sette giorni tra la fine di novembre e l’inizio di dicembre, qui regna un trambusto festivo: concerti, spettacoli, artisti di strada su trampoli, un laboratorio di elfi per bambini e, soprattutto, una schiera di casette di legno appositamente costruite, dalle cui finestre i commercianti svolgono vivacemente la propria attività. Date un’occhiata più da vicino per ammirare le palline sgargianti dell’albero di Natale, le decorazioni natalizie, le prelibatezze e i vini, gli oggetti di artigianato e, naturalmente, le candele fatte a mano in un’ampia varietà di forme, sfumature e aromi.

candelara_m2

© candelara.it

La particolarità della fiera delle candele a Candelara è che ogni notte per due volte viene tolta completamente l’elettricità in tutta la città, che quindi per un quarto d’ora è illuminata solo dalle luci di mille candele. Le candele sono ovunque: sui davanzali, sui balconi, sugli archi, sui portici, sui muri e persino sulle sculture in ferro battuto che rappresentano i personaggi del presepe. L’atmosfera diventa immediatamente romantica, la luce calda e rilassante delle candele trasmette una sensazione di festa.

Per i bambini sarà interessante visitare il laboratorio per la produzione di candele in cera d’api e per le mamme il museo di tessuti, ricami e cucito, con vecchi telai e gomitoli di filo di canapa, cotone, lino e lana avanzati dagli ultimi sarti del posto. Poi tutti a tavola: tra le ricette natalizie marchigiane sono obbligatori baccalà, cappelletti in brodo di pollo, cappone fritto, olive ascolane e “lu serpe” – un pretzel di pasta frolla a forma di serpente, ripieno di mandorle e cioccolato fondente, aromatizzato al rum e ricoperto di glassa.

 

Luogo
Marche
Parole chiave
borghi, Marche

Materiali simili

Dove Andare

5 borghi italiani dove praticare l’alpinismo

Mostra
Dove Andare

Triora: il Borgo delle streghe

Liguria
Mostra
Dove Andare

I borghi rinati grazie agli artisti

Mostra
Dove Andare

I borghi della Costiera Amalfitana

Campania
Mostra
Dove Andare

3 borghi della Sicilia: Sambuca, Montalbano e Gangia

Sicilia
Mostra
Dove Andare

10 porti più belli d’Italia

Mostra
Dove Andare

  Newsletter