L’ultimo battiloro di Venezia

A guardare bene, tutta Venezia brilla d'oro: il metallo prezioso scintilla nel semibuio della Cattedrale di San Marco, serpeggia sugli stucchi dei palazzi medievali, brilla al sole su gondole, specchi, finestre e mobili antichi. Ovviamente, non si tratta di oro vero, bensì della sua versione a foglia, quando fogli d'oro sottilissimi (spesso solo poche decine di nanometri), chiamati, appunto, foglie oro, sono applicati sulla superficie di un oggetto, creando l'impressione che questo sia stato forgiato in questo metallo prezioso.

 

A Venezia lavora l’ultimo battiloro, che realizza a mano preziose foglie oro alla vecchia maniera. Il suo nome è Marino Menegazzo e dirige la compagnia “Mario Berta Battiloro”, che nel 2026 celebrerà il suo centenario. Il laboratorio si trova nel sestiere di Cannaregio, nel rosso palazzo veneziano dove una volta viveva e lavorava il grande Tiziano Vecellio. E pensiamo proprio che l’artista, che ritrasse una straordinaria pioggia dorata sulla sua “Danae”, avrebbe lodato questa continuità.

Marino_mengozzo

Marino Menegazzo © Mario Berta Battiloro SRL

 

L’arte della forgiatura dell’oro arrivò a Venezia da Bisanzio all’inizio dell’XI secolo. Il periodo del suo massimo splendore arrivò a metà del Settecento, quando a battere l’oro con i loro martelli erano 340 battiloro in 46 diverse officine. Il mestiere di battiloro oggi è così raro che è rimasto un unico custode dell’antica tecnologia veneziana. Ora è già in pensione, ma continua a lavorare, e non solo perché è innamorato del suo mestiere, ma anche perché se mette da parte i suoi martelli, la professione cesserà non solo a Venezia, ma in tutta Europa.

VECCHIA Мастерская баттилоро Гризеллини

Battiloro Grisellini © Mario Berta Battiloro SRL

I suoi strumenti hanno quasi cento anni. La tecnologia anche di più. Ha bisogno di muscoli ben sviluppati, oltre a destrezza, precisione e sensibilità, deve essere in grado di sincronizzare i suoi gesti con la respirazione. Poiché l’oro è un metallo abbastanza morbido e flessibile, una corretta elaborazione consente di ottenere foglie perfette, leggere come la seta, senza spazi vuoti e crepe. Ecco perché è così importante respirare correttamente quando vi si lavora: una respirazione irregolare, infatti, può farli vibrare. Il metodo manuale storico prevede di colpire il metallo con quattro martelli di peso diverso (da 3 a 8 kg) con una certa forza e in una certa sequenza. In una stanza insonorizzata, Marino batte l’oro seduto su una panchina alta. I colpi si ripetono ancora e ancora, devono essere uniformi in forza, uguali in numero – non è un caso che i colpi siano chiamati “polsi”. Dopo molte ore, circa 1800 colpi trasformano un grammo d’oro da una barra a cinquanta fogli quadrati leggerissimi con i lati di 8 cm. Marino confessa di divertirsi molto a guardare come il foglio d’oro diventa più grande e più sottile: questo gli dà la sensazione che qualcosa di nuovo e molto bello stia nascendo.

Come ogni professionista, il signor Menegazzo ha i suoi segreti per raggiungere la perfezione. L’illuminazione dell’area di lavoro deve essere morbida e diffusa, altrimenti, con una forte luce diretta, l’oro può abbagliare il maestro. Il tasso deve essere flessibile e morbido – una volta usavano la pergamena e ora un cuscino di pelle di capra. È inoltre necessario cospargerlo con un sottile strato di cenere, che un tempo veniva prelevata dai camini, ora invece dalle stufe a legna delle pizzerie. Per tagliare un fragile foglio in quadrati senza strapparlo, le mani nude non vanno bene, sono troppo goffe. Si usano delle pinzette di bambù, mettendole sull’indice della mano sinistra per ottenere tagli perfetti. Per di più Marino è riuscito a ottenere 17 diverse tonalità di oro: dal rosa al viola, un colore molto raro.

© Mario Berta Battiloro SRL

C’è un’enorme differenza tra le foglie fatte a mano e quelle ottenute a macchina. Sebbene non sia facile rimanere in un mercato soggetto alle leggi della produzione rapida, l’ultimo battiloro veneziano ritiene che la sua arte sia parte integrante del patrimonio culturale della città, e quindi si prende cura della sua conservazione.

La sua azienda fornisce foglie d’oro a gondolieri (per decorare le gondole), intagliatori del legno (per la decorazione di mobili), mosaicisti (da aggiungere alla pasta vetrosa), soffiatori di vetro (per creare riflessi dorati nel vetro di Murano), restauratori (per ripristinare la bellezza delle epoche passate), così come cuochi e pasticceri (oro commestibile per capolavori culinari) e produttori di cosmetici di lusso. Tutti i sopraelencati comprendono perfettamente questa differenza.

© Mario Berta Battiloro SRL

I leggerissimi quadrati che escono dal laboratorio del battiloro vengono usati per intarsi e mosaici, icone, statue, vetri, vasi e molti altri oggetti dorati. L’angelo che sorge sul campanile di San Marco, e la sfera sul tetto della Punta della Dogana sono ricoperti di foglie d’oro provenienti da questo laboratorio. La corona della Madonna a Lourdes e il mosaico della cattedrale di Marsiglia sono anch’essi dorati con i preziosi fogli.

 

Luogo
Veneto
Parole chiave
artigianato, Venezia

Materiali simili

Arte e Cultura

Le invenzioni inaspettate dei monaci italiani

Mostra
Made in Italy

L’arte della coltelleria a Scarperia

Toscana
Mostra
Dove Andare

Il Carnevale di Venezia

Veneto
Mostra
Made in Italy

Museo della Calzatura a Vigevano

Lombardia
Mostra
Made in Italy

Tecniche e materiali nella Firenze artigiana

Toscana
Mostra
Made in Italy

La fede sarda

Sardegna
Mostra
Made in Italy

  Newsletter