I giganti delle Alpi

Le Alpi, in Valle d'Aosta, delineano contro il cielo un profilo in cui è facile riconoscere i "Giganti delle Alpi": il Monte Bianco (4.810 m), montagna scolpita nel granito e seconda in Europa solo all'Elbrus, del Caucaso; il Monte Cervino (4.478 m), dalla caratteristica forma piramidale; il Monte Rosa (4.634 m), seconda montagna delle Alpi per altezza; e il Gran Paradiso (4.061 m), unico “4.000” interamente compreso in territorio italiano.

 

I panorami della Valle d’Aosta hanno come sfondo le montagne più imponenti delle Alpi, vette ben note agli alpinisti, ma di questi paesaggi grandiosi — fatti di ghiacciai, laghi alpini, aree protette, boschi, pascoli e villaggi tradizionali — potrete godere sia praticando tante attività sportive diverse, sempre ai massimi livelli, sia rilassandovi in alcune delle più belle località di vacanza delle Alpi.

 

Il Monte Bianco

Per molti il Monte Bianco è semplicemente la montagna più alta d’Europa. I suoi 4810 m certamente confermano questo indiscusso primato. Ma in realtà il Monte Bianco è tanto altro in fatto di primati, storia e natura. Il Monte Bianco custodisce una storia senza uguali, è stato negli anni spettatore inerte, causa e oggetto di tante imprese, di tante sfide.

La nascita dell’alpinismo (prima ascensione del Monte Bianco fu realizzata da Jacques Balmat (24 anni – cercatore di cristalli) e da Michel Gabriel Paccard, (29 anni – medico condotto) è probabilmente riconducibile alle prime imprese di scalata tentate in questi luoghi. Con l’attrezzatura adeguata e un accompagnatore esperto è possibile vivere il Monte Bianco: sentire la neve che scricchiola sotto i ramponi e vedere il gioco di luci e colori che la neve regala procedendo verso la vetta (dalla via italiana o da quella francese).

montblan

Vista del ponte d’Aiguille du Midi (3,842 m) di mattina, l’attrazione principale del Monte Bianco © ELEPHOTOS / Shutterstock.com

Ugualmente suggestive le emozioni che si provano sul tetto d’Europa salendo in funivia (il “tour du Mont Blanc”: Courmayeur – Punta Helbronner – Aguilles de Midi – Chamonix) e potendo fermarsi a vari livelli per poter ammirare il panorama, il giardino botanico Saussurea e la mostra di cristalli.

 

Il Monte Cervino

pista-cervino-620x380

Pista perfetta con il Monte Cervino di sfondo / aosta-valley.co.uk

Se ci chiedessero di rappresentare una montagna, saremmo in molti a disegnare una piramide con le basi massicce saldamente piantate sulla terra e la cima slanciata verso il cielo.

Il Cervino è proprio così: una montagna perfetta. Di forma piramidale molto pronunciata, si erge isolato dal resto della catena montuosa a cui appartiene.
È circondato da una vasta area sciistica — una delle più ampie d’Europa, meta degli sciatori di tutto il mondo — e sovrasta maestoso i paesi di Breuil-Cervinia in Italia e di Zermatt in Svizzera.

Il Cervino (4.478 metri) fu conquistato per la prima volta dal lato svizzero, il 14 luglio 1865, da Edward Whymper e da altri compagni di cordata, quattro dei quali perirono tragicamente durante la discesa. Pochissimi giorni dopo, una cordata interamente italiana, guidata da Jean-Antoine Carrel, lo scalò dal lato italiano.

 

Il Monte Rosa

monterosaallalba

Monte Rosa all’alba / www.monterosaresidence.it

C’è chi attribuisce il nome Monte Rosa ad eventi atmosferici più o meno anomali. Le versioni sono molte, dal riflesso rosa che “dipinge” la neve all’alba e al tramonto a chi sostiene che un forte vento che soffiava dal deserto sporcò la neve di granelli di sabbia che diedero al massiccio questo colore. Molto più semplicemente una spiegazione sicuramente certa è data come spesso accade dalla lingua. “Rouese” è la vera origine del nome Monte Rosa. Questo termine significa ghiacciaio in “patois”, antica lingua parlata dalle popolazioni della zone circostanti.

Il Monte Rosa appartiene alla catena delle Alpi Pennine delle quali ne è il padrone incontrastato dall’alto dei suoi 4634 metri raggiunti dalla Punta Dufour. Nell’intero arco alpino il Monte Rosa è superato in altezza solo dai 4.808 metri del Monte Bianco. Questo massiccio oltre ad essere come detto il più alto tra le alpi Pennine detiene altri record da guiness, primati che con tutta sincerità crediamo non saranno abbattuti facilmente. La parete est del Monte Rosa è infatti la più alta delle Alpi. Questo è dovuto alla sua verticalità e alla sua altezza. La Silbersattel (Sella d’Argento) è il colle che, con i suoi 4.517 metri di quota, divide la Punta Dufour dalla Punta Nordend: esso è il più alto delle Alpi. Anche per la sua “mole” non ha rivali. Infatti il Monte Rosa viene considerato (oltre i 4.000 metri) il più massiccio in virtù della sua enorme massa.

Oggi il monte rosa ospita un importante comprensorio sciistico intervallivo che racchiude la valle di Gressoney, Champoluc e Alagna Valsesia per il Piemonte.

 

Il Gran Paradiso

DGT

Stambecchi con sfondo del Gran Paradiso / (c) Dario De Siena, www.ilfattoquotidiano.it

Mai nome fu così azzeccato. Il Gran Paradiso, gigante italiano custode dell’omonimo parco Nazionale è davvero uno spettacolo della Natura. Unica montagna situata completamente in territorio italiano capace di guardare il mare dall’alto dei suoi 4061 metri.

Questa vetta presenta un versante davvero agghiacciante sul lato della Valle di Cogne: una colossale parete rocciosa con un salto di circa 700 m. si innalza infatti da un ghiacciaio il cui nome è per sé stesso già molto indicativo: Tribolazione! L’ascesa di questa montagna è più “agevole” dal Rifugio “Vittorio Emanuele”.

Il Rifugio, raggiungibile percorrendo un comodo sentiero che si snoda dalla loc. Pont di Valsavarenche è un buon punto di partenza per arrivare in vetta. Ma queste sono sfide che solo professionisti esperti possono raggiungere, per tutti gli altri sarà già grande il privilegio di camminare nei sentieri del Parco e ammirare questo monumento della natura in tutta la sua maestà. Cogne e la Valnontey e Valsavarenche sono i territori dai quali godere meglio della sua vista, della fauna che popola il Parco e della flora rarissima che lo adorna.

 

* Foto nello slider © ELEPHOTOS / Shutterstock.com
Luogo
Valle-D’Aosta
Parole chiave
Alpi, montagna, natura, sciare

Materiali simili

Dove Andare

Il Giardino di Boboli: il cuore verde di Firenze

Toscana
Mostra
Dove Andare

Cascata delle Marmore: il percorso da fare

Umbria
Mostra
Dove Andare

Il Parco Regionale di Molentargius – Saline

Sardegna
Mostra
Dove Andare

Il Sulcis-Iglesiente

Sardegna
Mostra
Dove Andare

Le Aree Marine Protette

Abruzzo, Calabria, Campania, Friuli-Venezia-Giulia, Lazio, Liguria
Mostra
Dove Andare

Il piccolo Tibet in Umbria. Castelluccio di Norcia

Umbria
Mostra
Dove Andare

  Newsletter