Pistoia: capitale italiana della cultura per il 2017

Pistoia si prepara a fregiarsi del titolo di Capitale Italiana 2017.

 

Nata in epoca romana vicino a un insediamento etrusco, Pistoia acquista progressivamente importanza nel corso del Medioevo, raggiungendo nel XII secolo il massimo splendore artistico. Ricca di chiese e architettura monumentale civile, la città rappresenta una grande attrazione per gli amanti di arte e cultura.

 

Monumenti e Piazze

shutterstock_328756982

La facciata del Duomo e il Palazzo dei Vescovi / Shutterstock.com

Piazza del Duomo di Pistoia rappresenta uno dei paesaggi urbani più suggestivi d’Italia.
La cattedrale, dedicata a San Zeno, presenta una facciata romanica adornata dalle statue i San Jacopo, il Santo patrono della città, e di San Zeno.

shutterstock_216033058

La facciata del Duomo con il campanile / Shutterstock.com

Costruito intorno al X secolo, il Duomo ha un interno trecentesco con affreschi di epoca successiva. Meraviglioso l’altare argenteo di San Jacopo, opera dei più bravi orafi dei XII-XV secoli. Sotto il presbiterio si possono visitare i resti del primo edificio ecclesiastico e di una villa imperiale romana. A sinistra dalla facciata si erge un bellissimo campanile romanico di 67 metri con tre loggette e una bella cuspide.

shutterstock_259923728

La Piazza del Duomo, lato ovest: il campanile del Duomo, il Battistero, il Palazzo Pretorio / Shutterstock.com

Il battistero di San Giovanni in corte, un edificio gotico ottagonale a strisce bianco-verdi, si trova vicino al Duomo. Ha una cupola impressionante e una fonte battesimale del 1226, opera di Lanfranco da Como.

shutterstock_333518990

Il Battistero rirpeso dall’alto / Shutterstock.com

Vicino al battistero, sul lato sud della piazza, si trova un altro capolavoro del gotico: il Palazzo dei Vescovi, eretto nell’XI secolo come fortificazione e ricostruito cent’anni più tardi assumendo la forma attuale per diventare la residenza vescovile.

La Piazza del Duomo ripresa con il drone

Sul lato est della piazza si trova il Palazzo del Comune, la cui costruzione iniziò sempre nel Duecento ma si protrasse fino alla metà del secolo successivo. Ospita il Museo Civico ed è abbellito da interessanti affreschi cinquecenteschi.

shutterstock_153104954

Il Palazzo del Comune / Shutterstock.com

Sul lato ovest, infine, troviamo il Palazzo Pretorio, i cui esterni presentano lo stesso stile gotico che domina lo scenario della piazza, nonostante una massiccia ristrutturazione avvenuta nell’Ottocento.

shutterstock_312778541

Il Palazzo Pretorio / Shutterstock.com

Sono inoltre degni di nota altri edifici ecclesiastici, come la Chiesa di San Giovanni Fuoricivitas con la Visitazione in terracotta invetriata di Luca della Robbia, l’acquasantiera di Giovanni Pisano e il polittico di Taddeo Gaddi, o la basilica rinascimentale della Madonna dell’Umiltà con una cupola di Giorgio Vasari che ricorda quella del Brunelleschi nella vicina Firenze.

shutterstock_123266998

La cupiola del Vasari / Shutterstock.com

 

Pistoia Blues Festival

Dal 1980, Pistoia Blues Festival è entrato nel calendario dei maggiori appuntamenti musicali che portano in Italia musicisti e turisti da tutto il mondo. A inaugurarne la prima edizione nel 1980 furono, tra gli altri, B.B. King, Dizzy Gillespie e Muddy Waters. Il cartellone del 2016 comprende star internazionali del calibro di The National, Skunk Anansie e Damien Rice.

Gli Arctic Monkeys al Pistoia Blues Festival nel luglio 2014

La manifestazione si svolge ogni anno nella seconda settimana di luglio.

 

Cucina tipica

Una tradizione gastronomica che affonda le sue radici nella storia della Toscana, terra di contadini che hanno dato vita a un’alimentazione povera ma sana.

Il castagnaccio / Shutterstock.com

Numerose tipologie di crostini fanno il bello e il cattivo tempo nella sezione antipasti; tra i primi spiccano le minestre (con zuppe di pane a rappresentare più delle altre la cucina pistoiese) e i maccheroni all’anatra (piatto tipico della festa del Santo patrono della città).

Il castagnaccio / Shutterstock.com

I secondi tipici sono lo zimino di lampredotto, la trippa e i fegatelli di maiale nella rete, mentre i dolci da assaggiare sono il berlingozzo, i cenci, il castagnaccio e i confetti di Pistoia.
Luogo
Toscana
Parole chiave
arte, Pistoia, storia

Materiali simili

Arte e Cultura

La Roma del Caravaggio

Lazio
Mostra
Arte e Cultura

Il barocco palermitano

Sicilia
Mostra
Fotogalleria

I capolavori della Pinacoteca di Brera

Lombardia
Mostra
Dove Andare

Chemp e Varfey

Valle-D’Aosta
Mostra
Arte e Cultura

Il marmo domato: sulle tracce di Michelangelo tra Caprese e Roma

Toscana, Lazio
Mostra
Arte e Cultura

Gli artisti russi in Liguria

Liguria
Mostra
Dove Andare

  Newsletter