Un weekend a… San Gimignano

Tra gli assolati colli della val d’Elsa, immerso nelle magnifiche colline senesi, sorge lo splendido paese di San Gimignano, cinto da mura duecentesche che abbracciano un ambiente medievale di intatto splendore.

 

La “Città dalle belle torri”, ricca di storia, arte e cultura immersa nel verde della campagna Toscana, si lascia scoprire con le sue opere più preziose che ne raccontano la sua identità.

001

Il centro storico © andras_csontos / Shutterstock.com

Il suo centro storico, riconosciuto come Patrimonio dell’Umanità UNESCO, è un tessuto di capolavori di arte del ‘300 e del ‘400, ma anche esempio concreto di antiche architetture urbane che fanno da scenografia alle realtà più seducenti di artigianato artistico locale: qui più che altrove sorprende il forte spirito innovativo e di ricerca creativa.

 

Cosa vedere

Le Torri

Visitare San Gimignano significa immergersi completamente nell’atmosfera di un borgo trecentesco; il suo aspetto infatti è rimasto per lo più intatto e la città rappresenta ancor oggi uno dei migliori esempi europei di organizzazione urbana dell’età comunale.

Il tratto caratteristico di questo paese – che qualsiasi turista coglie anche in lontananza – sono le spettacolari e inconfondibili torri che dominano il paesaggio, ognuna delle quali ha una propria storia da raccontare.

Il paese visse fino alla metà del Trecento una stagione di ricchezza economica e artistica, grazie anche ai mercanti e ai pellegrini che percorrevano la via Francigena. La via attraversava questo splendido borgo e ancora oggi lo divide in due parti.
È questo il periodo durante il quale le maggiori famiglie cittadine si sfidano costruendo la torre più alta per dimostrare chi ha più potere. Esclusa da questa gara la Torre comunale, detta la Rognosa, che per decreto municipale doveva rimanere la più elevata. Intorno al 1300 le torri che svettavano erano più di 70, pari al numero delle famiglie benestanti del suo territorio, mentre oggi se ne contano soltanto tredici.

 

Il Palazzo del Popolo

Uno dei più importanti monumenti di San Gimignano in cui si trova sede il Museo Civico, ricco di dipinti della scuola fiorentina e senese del tredicesimo secolo come il Crocefisso dipinto da Coppo di Marcovaldo, del quattordicesimo secolo come i trittici di Niccolò Tegliacci e di Taddeo di Bartolo, inoltre importanti opere del quattrocento di Domenico Michelino, Pinturicchio e Filippino Lippi. Nelle sale del palazzo troviamo vari affreschi sulle pareti, come le scene di vita privata dipinte da Memmo di Filippuccio e la Maestà dipinta da Lippo Memmi. Sul fianco sinistro del Palazzo si innalza alta e possente la torre eretta nel 1300.

 

Il Duomo

010

Il Duomo © lapas77 / Shutterstock.com

Monumento insigne dell’architettura romanica in Toscana, si può considerare un tempio di fede e di arte. Nata come semplice Pieve ha poi subito un grande interesse da parte delle cariche ellesiastiche fino a diventare degna della sua fama e uno splendido luogo di culto. Al suo interno troviamo dei bellissimi affreschi: lungo la parete di sinistra “Storie del Vecchio Testamento” di Bartolo di Fredi, sulla parete di sinistra troviamo invece affrescata tutta la storia del “Nuovo Testamento” attribuita, a Barnaba da Siena. All’ingresso nella navata centrale troviamo le due celebri statue lignee di Jacopo della Quercia poste ai lati dell’ affresco “Martirio di San Sebastiano” di Benozzo Gozzoli.

Nella parete superiore della navata centrale, fra le due porte di ingresso e nelle due prime arcate di destra e sinistra ci sono gli affreschi di Taddeo di Bartolo raffiguranti il Giudizio Universale. Nella navata di destra, ai piedi del transetto, si apre la famosa Cappella di Santa Fina del 1468, tesoro di maggior pregio del Duomo, con i suoi affreschi di Domenico Ghirlandaio raffiguranti S. Gregorio che annuncia a S. Fina la sua morte prossima e le esequie della santa, e un elegante altare.

 

Il Museo del Vino della Vernaccia di San Gimignano

015

Un vigneto di San Gimignano / Shutterstock.com

Il Museo del Vino della Vernaccia di San Gimignano, realizzato nella Villa della Rocca di Montestaffoli, è il luogo per celebrare l’eccellenza e la tradizione dei prodotti dei vini di San Gimignano e a San Gimignano 1330, il museo interattivo che racconta tutto ciò che si deve sapere sulla città medievale in modo divertente e approfondito.

 

La cucina

La Vernaccia

Vino di antichissime origini, presente solo sul territorio di questo comune e già nominato da scrittori come Dante Alighieri nella Divina Commedia dal 1276, la Vernacchia è un vino bianco secco dal colore giallo paglierino tenue con un odore fine e penetrante, dal sapore asciutto e armonico. È eccellente come aperitivo, ottimo con gli antipasti soprattutto di mare, squisita compagnia a tutti i piatti a base di pesce e crostacei e perfetto anche con pietanze di carni bianche. Si beve fresco alla temperatura di 11-12 gradi. Siamo però qui anche nel territorio dove si produce il più famoso vino rosso Italiano, il Chianti e tutti i produttori assieme alla Vernaccia hanno anche vigne dove producono Chianti Docg Colli Senesi. Che dire poi dell’olio extra vergine di oliva che si produce dagli olivi che stanno arrampicati sulle verdi colline attorno a San Gimignano! Bisogna assaporarlo su una bruschetta, un piatto di fagioli bianchi o una insalata per non dimenticare per tutta la vita il suo profumo ed il suo sapore.

San Gimignano Rosso DOC

Se la Vernaccia è il prodotto più famoso del territorio San Gimignano ha sempre espresso, come è tradizione comune in Toscana, un ottimo vino rosso inserito nella DOCG Chianti Colli Senesi. Dal 1996, la tradizione e la capacità di produrre anche grandi vini rossi si è concretizzata con l’approvazione della DOC “San Gimignano” L’uva principale utilizzata rimane il sangiovese ma fanno la loro comparsa altri vitigni internazionali tra i quali il Merlot che si esprime a San Gimignano con particolare eleganza. Il colore è rosso rubino brillante, il profumo ampio ed elegante. Al sapore è denso, potente e con una grande capacità di invecchiamento. L’abbinamento ideale è con i formaggi stagionati, le carni rosse e la cacciagione; ottimo con il tradizionale cinghiale in umido della cucina sangimignanese.

San Gimignano Vin Santo DOC

È il vino da fine pasto per eccellenza in Toscana. Le uve utilizzate sono normalmente trebbiano e malvasia, ma a San Gimignano viene utilizzata anche la vernaccia. Le uve devono essere vendemmiate a perfetta maturazione per essere poi fatte appassire stese su dei graticci o appese a delle reti. Una volta terminato l’appassimento si procede alla vinificazione. Il vino fermenta piccoli contenitori di legno, chiamati caratelli, che vengono “cementati” affinché il Vin Santo abbia la giusta quantità di aria. Classico vino da dessert può essere più o meno dolce ed è tradizionale l’accostamento con i “cantuccini”.

Lo zafferano

019© www.toplifemagazine.it

Lo zafferano è un fiore (Crocus Sativus), della famiglia delle Iridacee. Il termine trae origine dal termine arabo “jafaran”, una modifica della parola persiana “sahafaran , anch’essa derivante dalla parola “asfar” che significa giallo. La raccolta dei fiori deve essere effettuata all’alba, quando ancora risultano chiusi e gli stigmi devono essere subito essiccati. Per ottenere un chilogrammo di spezia si devono raccogliere circa 150.000 fiori. Il sapore è caratteristico, pungente e leggermente amarognolo. Si abbina con il pesce, le verdure, le carni bianche.

Come arrivare

In aereo

– Aeroporto di Pisa (Galielo Galilei): www.pisa-airport.com
– Aeroporto di Firenze (Amerigo Vespucci): www.aeroportofirenze.it

In treno

Non ci sono stazioni ferroviarie a San Gimignano. Dovete arrivare a Poggibonsi e poi da qui prendere un autobus. Leggete di seguito per maggiori informazioni sul servizio di bus.

In auto

Da Nord (Milano)

– Autostrada A1 Milano-Roma direzione sud; Uscita FIRENZE IMPRUNETA; Superstrada Firenze-Siena; Uscita POGGIBONSI NORD; Seguire indicazioni stradali per San Gimignano (Km.11)

Da Sud (Roma)

– Autostrada A1 Roma-Milano direzione nord; Uscita VALDICHIANA; Seguire indicazioni per Siena; Uscita POGGIBONSI NORD; Seguire indicazioni stradali per San Gimignano (Km.11)

Contatti

Informazioni e Accoglienza Turistica
Piazza del Duomo, 1 53037 San Gimignano (SI)
Tel. +39 0577 94.00.08
E-mail: [email protected]
Sito ufficiale: www.sangimignano.com

Luogo
Toscana
Parole chiave
arte, San Gimignano, storia, vino, weekend

Materiali simili

Dove Andare

10 ragioni per visitare la Valle d’Aosta

Valle-D’Aosta
Mostra
Dove Andare

Un weekend nel… Cadore

Veneto
Mostra
Arte e Cultura

Roma: antichità sconosciute di Viktor Son’kin

Lazio
Mostra
Dove Andare

Un weekend a… Pavia

Lombardia
Mostra
Arte e Cultura

10 capolavori del Museo Capodimonte a Napoli

Campania
Mostra
Dove Andare

Un weekend a… Ravenna

Emilia-Romagna
Mostra
Dove Andare

  Newsletter