Cappella Brancacci

La Cappella Brancacci, situata all'interno della chiesa di Santa Maria del Carmine di Firenze rappresenta uno degli esempi più elevati di pittura del Rinascimento (1424-1428).

 

Essa è frutto della collaborazione di due dei più grandi artisti dell’epoca Masaccio e Masolino da Panicale, ai quali deve aggiungersi la mano di Filippino Lippi, chiamato a completare l’opera circa cinquant’anni dopo.

 

Masolino e Masaccio lavorarono separatamente a scene diverse, pianificando accuratamente i loro interventi in modo da poter operare contemporaneamente. Essi usarono un solo ponteggio dipingendo scene contigue, in modo da evitare una netta separazione tra le loro opere, che avrebbe creato maggior squilibrio rispetto a una divisione “a scacchiera” come si vede oggi. Sul ponteggio di forma rettangolare l’uno dipingeva la scena sulla parete laterale, l’altro su quella frontale, per poi scambiarsi i compiti sul lato opposto. Con questo metodo venne sicuramente eseguito il registro superiore e forse la parte delle lunette, mentre l’interruzione dei lavori comportò la mancata applicazione nel registro inferiore.

L’accesso alla cappella è consentito a gruppi di massimo 30 persone e la permanenza è di 30 minuti. Non è possibile visitare la Cappella passando dalla Chiesa.

Si consiglia di verificare la corrispondenza degli orari di apertura contattando direttamente la struttura.

Contatti

Indirizzo: Piazza del Carmine, 14, Basilica Santa Maria del Carmine, Firenze
Biglietto d’ingresso: Intero: € 6,00, ridotto: € 4,50.

La prenotazione è obbligatoria: si può chiamare tuti i giorni dalle ore 9.00 alle 18.00

Tel. 055 2768224

 

Luogo
Toscana
Parole chiave
arte, Firenze, pittura

Materiali simili

Dove Andare

Un weekend a… San Gimignano

Toscana
Mostra
Arte e Cultura

Il parco reale di Caserta

Campania
Mostra
Dove Andare

Il Golfo di Olbia

Sardegna
Mostra
Dove Andare

Calcio storico fiorentino

Toscana
Mostra
Arte e Cultura

Genova: sulle orme di Paganini

Liguria
Mostra
Arte e Cultura

Nelle terre di Arezzo: sulle orme di Piero della Francesca

Toscana
Mostra
Arte e Cultura

  Newsletter