Il nuovo Museo dell’Opera del Duomo apre a Firenze

Riapre il Museo dell’Opera del Duomo a Firenze. Sono circa 750 le opere d'arte che il 29 ottobre prossimo troveranno la loro definitiva collocazione all'interno del nuovo Museo, restituendo alla città una tradizione lunga 720 anni che abbraccia — dai capolavori di Arnolfo Di Cambio a quelli del Verrocchio e Donatello — secoli di tradizione artistica medievale e rinascimentale fiorentina.

I capolavori di Firenze riuniti in un luogo solo. Statue, rilievi in marmo, bronzo, argento, originariamente realizzati per gli ambienti esterni ed interni delle strutture che sorgono davanti al Museo — il Battistero di San Giovanni, la Cattedrale di Santa Maria del Fiore e il Campanile di Giotto — troveranno posto nelle 25 sale, distribuite su tre piani, di questo nuovo edificio. Uno spettacolare allestimento che mira a valorizzare capolavori unici al mondo, frutto di un restauro durato tre anni, molti originariamente concepiti per stare insieme, ma successivamente dispersi in attesa di una collocazione più ampia e definitiva.

Duomo e Battistero / Shutterstock.com

Le opere restaurate e la ricostruzione dell’antica facciata del Duomo. Tornano a splendere la Maddalena di Donatello, la Porta del Paradiso e la Porta del Nord del Battistero, opera di Lorenzo Ghiberti, mentre l’antica facciata medievale del Duomo, realizzata da Arnolfo Di Cambio a partire dal 1296, ma distrutta nel 1586, verrà ricostruita a grandezza naturale (un colossale modello in resina) nella sala maggiore del museo. Ed è proprio questa facciata — con le sue 40 statue ricollocate nelle loro nicchie — il “gioiello” più atteso da monsignor Timothy Verdon, storico dell’arte e direttore della nuova struttura. «Firenze, città ricca di glorie antiche — spiega Verdon — ha bisogno di grandi iniziative moderne e il nuovo Museo dell’Opera, una struttura spettacolare di qualità mondiale, è la più importante iniziativa fiorentina degli ultimi anni».

Le antiche porte del Battistero. Su un lato della sala del nuovo edificio sarà esposta la Porta del Paradiso che, come spiega Verdon, «tornerà a occupare una posizione frontale rispetto all’antica facciata, ricostruendo un rapporto visivo e iconografico perso oltre 400 anni fa». Ai suoi due lati si potrà ammirare la Porta Nord del Battistero – il cui restauro ha consentito il recupero, dopo sei secoli dalla sua realizzazione, dell’oro che ne ricopriva le sculture — e presto anche la Porta Sud di Andrea Pisano.

Formella originale della Porta del Paradiso, Lorenzo Ghiberti / Wikimedia Commons

Donatello, Michelangelo, Luca della Robbia: i grandi della scultura fiorentina. Il percorso dello spettatore proseguirà al piano terra con le sale che accolgono la Maddalena penitente di Donatello — un’opera che sprigiona una grande forza, ma anche tenerezza e devozione attraverso lo sguardo e le mani congiunte in preghiera — e la Pietà di Michelangelo. All’interno della Galleria del Campanile di Giotto, tra le sedici statue a grandezza naturale, spiccano i Profeti di Donatello, Abacuc e Geremia, e i 54 rilievi scultorei originali che la adornavano. Nella Galleria delle Cantorie di Luca della Robbia e di Donatello si potranno, invece, osservare i due grandi pergami realizzati per il Duomo tra il 1431 e il 1439.

Cantoria di Luca della Robbia / Wikimedia Commons

La Galleria della Cupola del Brunelleschi. Un museo nel museo sarà la Galleria, con i modelli lignei del Quattrocento, tra cui quello attribuito allo stesso artista fiorentino, materiali e attrezzi dell’epoca impiegati per la costruzione della Cupola, oltre alla maschera funebre del grande architetto.

Cupola del Duomo / Shutterstock.com

La missione dell’Opera di Santa Maria del Fiore e il nuovo Museo. Fondata nel 1296 per realizzare il Duomo di Firenze l’Opera continua a portare avanti il suo impegno finalizzato alla conservazione e alla valorizzazione del suo straordinario patrimonio culturale. Il Museo dell’Opera del Duomo, fondato nel 1891, fa parte del sistema museale del Grande Museo del Duomo che racchiude il Duomo di Firenze, la Cupola di Brunelleschi, la Cripta di Santa Reparata, il Battistero di San Giovanni e il Campanile di Giotto. Un accordo artistico che il prossimo 29 ottobre tornerà a orbitare, con il suo spartito di arte, fede, storia, di fronte al suo pubblico, nella spettacolare piazza che rappresenta il cuore vibrante di Firenze.

 

Luogo
Toscana
Parole chiave
arte, duomo, Firenze

Materiali simili

Arte e Cultura

Sulle tracce russe a Firenze

Toscana
Mostra
Arte e Cultura

Palazzo Schifanoia a Ferrara

Emilia-Romagna
Mostra
Arte e Cultura

L’Italia su Instagram. La Top 7 su Firenze

Toscana
Mostra
Dove Andare

Un weekend a… Varese

Lombardia
Mostra
Dove Andare

I 10 palazzi più belli di Milano

Lombardia
Mostra
Arte e Cultura

Il marmo domato: sulle tracce di Michelangelo tra Caprese e Roma

Toscana, Lazio
Mostra
Arte e Cultura

  Newsletter