Le ceramiche di Faenza

Faenza è in tutto il mondo sinonimo di ceramica. Già cinque secoli fa le manifatture faentine erano un riferimento fondamentale per la produzione ceramica europea. Basti pensare che il termine “Faience” è tuttora utilizzato in alcune regioni d’Europa come sinonimo di maiolica.

 

Il vero scrigno dove sono conservati e tramandati i segreti delle forme, degli smalti e dei decori della tradizione ceramica faentina sono le botteghe nelle quali sopravvivono e si reinventano continuamente lo spirito, la creatività e l’abilità dei custodi di un’arte antichissima e moderna al tempo stesso.

Nelle molte botteghe sparse entro il perimetro cittadino viene prodotta la ceramica a marchio certificato di qualità DOC, in forme e decori che spaziano dalle riproduzioni storiche alla sperimentazione artistica.

Qui gli artigiani forgiano belle e tradizionali maioliche nelle forme di piatti, vasi, boccali ed albarelli. Questi ultimi sono dei piccoli vasi dipinti con scritte in carattere gotico, usate in tempi remoti dagli antichi farmacisti, oggi souvenir raffinati adatti per ogni ambiente.

© Claudio Zaccherini / Shutterstock.com

La bellezza dello smalto utilizzato dagli artigiani è assai evidente negli oggetti decorati con piccoli tocchi e colori chiari, conosciuti con il termine “Bianchi di Faenza” fin dal ‘500.

Il Museo Internazionale delle Ceramiche (MIC), fondato nel 1908, rappresenta un punto di partenza importante del percorso cittadino, in quanto accoglie, nelle proprie ampie e luminosissime sale espositive, collezioni artistiche antiche e contemporanee uniche al mondo.

Al Museo Carlo Zauli si scopre intatta, nell’antica bottega del maestro, l’affascinante atmosfera creativa ed intimistica del laboratorio artigianale: atmosfera tipica di un “lavoro antico” che si ritrova, immutata, nelle tante botteghe ceramiche che si incontrano in città.

Denso è il programma di eventi che Faenza propone, come le importanti mostre d’arte al MIC o la spettacolare gara “L’Oro del Vasaio – Mondial Tornianti”, dove ceramisti provenienti da tutto il mondo si sfidano nell’antica Piazza della Molinella per “foggiare” il piatto più ampio o il vaso più alto.

 

Luogo
Emilia-Romagna
Parole chiave
artigianato, ceramica

Materiali simili

Made in Italy

Il Museo del Merletto di Burano

Veneto
Mostra
Made in Italy

Le botteghe di Cremona: in visita ai maestri liutai

Lombardia
Mostra
Made in Italy

Le Marche: tra prodotti tipici e poli outlet

Marche
Mostra
Made in Italy

Le botteghe artigiane di Siena

Toscana
Mostra
Made in Italy

Tecniche e materiali nella Firenze artigiana

Toscana
Mostra
Made in Italy

La ceramica di Deruta

Umbria
Mostra
Made in Italy

  Newsletter