I castelli della Valle d’Aosta

Nel medioevo la riscossione di pedaggi conferiva potere e reddito, e la Valle d'Aosta era un passaggio obbligato verso i valichi alpini. In un territorio privo di controllo diretto era facile appropriarsi delle terre fuori dai centri abitati ed elevarsi al rango di signori: nacquero così castelli, torri e caseforti che, da punti elevati, dominavano vaste aree.

 

In Valle d’Aosta, i primi castelli sorsero tra l’inizio dell’XI e il XII secolo, spesso su fortificazioni precedenti. Erano costituiti da un torrione, o donjon, cinto da mura. Ne sono esempi il castello di Graines, il castello di Cly e Châtel-Argent. Le cappelle al loro interno testimoniano la semplicità dell’architettura religiosa romanica.

Ecco un itinerario tra i castelli piu’ belli della Valle d’Aosta.

 

Castello di Cly

Castello di Cly / viaggioneltempo.eu

“Strapiomba a sud su Chambave, mentre gli altri lati sono protetti dal promontorio sul quale è stato costruito. Il recinto delle mura è assai vasto, ma non fu occupato che nella metà est delimitata da un muro. L’ingresso è posto a nord, protetto originariamente da fabbriche oggi in completa rovina. Su uno sperone è poggiata la cappella romanica… Sono purtroppo scomparse pressoché totalmente le pareti e il catino…I fabbricati di abitazione si addossavano al muro sud, nella posizione meno battuta dagli eventuali assalitori. Sono rovinati. Si vede ancora un camino con a lato due piccole finestre… Certe sale avevano l’intonaco decorato a pittura”.

Così lo storico André Zanotto descrive efficacemente nel suo libro “Valle d’Aosta: i castelli” uno dei più antichi manieri della Valle d’Aosta, oggi assurto giustamente a simbolo di Saint-Denis.

La sua storia è fatta di splendore, abbandono e recupero e oggi, grazie soprattutto all’associazione culturale “Il maniero di Cly”, il castello fa da sfondo ad importanti manifestazioni che ripropongono antiche atmosfere celtiche e medievali.

Contatti

Comune di Saint-Denis e Associazione Il Maniero di Cly, 11023 SAINT DENIS (AO), Telefono: (+39)0166.546055),
www.comune.saintdenis.ao.it

 

Castello di Ussel

Castello di Ussel / shutterstock.com

Il castello di Ussel, posto su un evidente e scosceso promontorio, incombe da sud sull’abitato di Châtillon.

Costruito da Ebalo di Challant verso la metà del XIV secolo (dato confermato dall’analisi dendrocronologica), il Castello di Ussel rappresenta una svolta nell’architettura militare valdostana. Siamo infatti in presenza del primo esempio in Valle d’Aosta di castello monoblocco, ultima fase evolutiva del castello medievale, che segna il passaggio tra il contemporaneo castello di Fénis e le rigide forme di Verrès. Dopo essere passato più volte dagli Challant ai Savoia e viceversa, il castello venne utilizzato come prigione, fino al completo abbandono. Nel 1983 il barone Marcel Bich, dopo aver acquistato il castello dalla famiglia Passerin d’Entrèves, erede degli Challant, lo donò alla Regione, che ha provveduto al restauro e lo ha adibito a sede espositiva.

A pianta rettangolare di notevoli dimensioni, il castello presenta all’esterno una buona muratura con una fascia sommitale di archetti ciechi, assenti sul lato nord, e bellissime bifore, tutte diverse tra loro, con decorazioni floreali e geometriche. Agli angoli del lato sud (verso la montagna) si trovano due torrette cilindriche aggettanti, in origine collegate tra loro da un camminamento di ronda protetto da una merlatura. Sempre a sud, si trovava anche l’ingresso, sormontato da una caditoia. Il lato nord, che guarda verso Châtillon, presenta due torri quadrangolari leggermente sporgenti, tra le quali, al centro, si eleva il mastio, elemento simbolico della potenza del feudatario. All’interno rimangono i monumentali camini con grandi mensole, posizionati su una medesima linea ascendente in modo da sfruttare un’unica canna fumaria, nonché tracce delle scale e delle divisioni in piani.

Prima del restauro il maniero era pressoché ridotto allo stato di rudere, ma una puntuale indagine archeologica ha permesso di individuare e riproporre la reintegrazione delle lacune. Affiancato alle merlature, è stato attrezzato un percorso pedonale molto suggestivo, dal quale il visitatore può ammirare la piana di Châtillon ed i suoi edifici storici.

Il castello è adibito a sede espositiva ed apre solamente in occasione dell’allestimento di mostre.

Contatti

Castello di Ussel, 11024 Chatillon (AO), Telefono: (+39) 0166 563747

 

Castello di Fénis

Castello di Fénis / panoramio.com

Diversamente dagli altri castelli, costruiti per scopi bellici e di protezione, il castello di Fénis non è situato sulla sommità di un promontorio, bensì su un lieve poggio privo di difese naturali.

Unendo ai caratteri della fortificazione quelli della residenza signorile, il castello di Fénis fu infatti la prestigiosa sede di rappresentanza dei maggiori esponenti della famiglia Challant, che lo dotarono dell’imponente apparato difensivo, nonché di eleganti decorazioni pittoriche, simboli di potenza e di prestigio.

L’architettura del castello di Fénis è il risultato di campagne costruttive succedutesi negli anni: torri e mura merlate furono aggiunte verso la metà del secolo XIV da Aimone di Challant al torrione preesistente, già dimora abituale — un secolo prima — del visconte Gotofredo II.

Il castello di Fénis appartenne ai signori di Challant del ramo di Fénis fino al 1716, quando fu ceduto al conte Baldassarre Castellar di Saluzzo Paesana. Le vicende che segnarono la storia di quella famiglia condussero il maniero a un lento degrado, preludio dell’abbandono che lo vide trasformato in abitazione rurale: le sale del pianterreno furono adibite a stalle, mentre il primo piano fu usato come fienile.

Il recupero del monumento si deve ad Alfredo d’Andrade, che acquistò il castello di Fénis nel 1895 e, dopo averne restaurato le parti più rovinate, lo donò allo Stato. Oggi l’edificio è di proprietà della Regione autonoma Valle d’Aosta, che lo ha destinato a sede del museo del mobile valdostano.

Contatti

Castello di Fénis, 11020 Fenis (AO), Telefono: (+39) 0165 764263

 

Castello di Issogne

Castello di Issogne / Wikimedia Commons

Inizialmente dominio dei vescovi di Aosta, la proprietà passò successivamente nelle mani della famiglia Challant. Nel corso del tempo gli edifici esistenti furono ampliati ed uniti, fino alla trasformazione radicale avvenuta tra il 1490 circa e il 1510 ad opera di Giorgio di Challant, priore di Sant’Orso, che ne fece una sontuosa dimora per la cugina Margherita de La Chambre ed il figlio Filiberto. Fu allora che il castello assunse l’aspetto attuale, diventando un unico palazzo a ferro di cavallo, affacciato su un ampio cortile e un giardino all’italiana, sul cui alto muro di cinta furono dipinti personaggi importanti ed eroi; il porticato al piano terreno fu ornato da una serie di lunette affrescate con scene di vita quotidiana e rappresentazioni di botteghe, mentre al centro del cortile sorse la celebre fontana in ferro battuto detta del Melograno, simbolo di prosperità.

Sempre in quel periodo molti ambienti interni furono decorati con affreschi, sia nelle zone di rappresentanza, quali la Sala di Giustizia o la Cappella, sia nelle stanze più private, tra cui gli oratori di Margherita de La Chambre o di Giorgio di Challant. Dopo i fasti del Cinquecento, la residenza si avviò verso un progressivo declino e nel 1872 fu venduta all’asta pubblica: acquistata dal pittore torinese Vittorio Avondo, divenne oggetto di un’attenta campagna di restauro che le restituì l’antico splendore.

Donato allo Stato nel 1907, oggi il castello appartiene alla Regione Autonoma Valle d’Aosta e si presenta con alcuni elementi dell’originale mobilia ed altri arredi rifatti alla fine dell’Ottocento, che insieme a numerosi oggetti d’uso domestico ripropongono l’ambientazione tardo quattrocentesca voluta da Avondo.

Contatti

Castello di Issogne, Piazza Castello, 11020 Issogne (AO), Telefono: (+39) 0125 929373

 

Forte di Bard

Forte di Bard / Flickr.com

Rimasto pressoché intatto dal momento della sua costruzione, il Forte di Bard rappresenta uno dei migliori esempi di fortezza di sbarramento di primo Ottocento.

La piazzaforte è costituita da tre principali corpi di fabbrica: partendo dal basso si trovano l’Opera Ferdinando, l’edificio mediano, – Opera Vittorio – fino ad arrivare al culmine del rilievo, dove sorge l’Opera Carlo Alberto.

Quest’ultima è la più imponente delle tre opere, che racchiude al suo interno il grande cortile quadrangolare della Piazza d’Armi, circondato da un ampio porticato, dove si collocano gli spazi dedicati alle mostre temporanee: all’interno, oltre al Museo delle Alpi, si trovano le Prigioni, che ospitano un percorso tematico multimediale sulla storia del Forte.

Per accedere alla sommità della fortezza è possibile seguire il percorso pedonale che si sviluppa fra possenti muraglioni partendo dall’interessante borgo medievale a lato del parcheggio, oppure servirsi degli ascensori panoramici attraverso cui si può godere di una meravigliosa vista sulla valle circostante.

 

Contatti

Forte di Bard, 11020 Bard (AO), Telefono: (+39) 0125 833811, E-mail: [email protected], www.fortedibard.it

 

Luogo
Valle-D’Aosta
Parole chiave
Aosta, castelli, montagna

Materiali simili

Dove Andare

Su Gologone e Tiscali

Sardegna
Mostra
Dove Andare

La Costa Verde della Sardegna

Sardegna
Mostra
Dove Andare

Il Vulture

Basilicata
Mostra
Dove Andare

A volo d’angelo tra le Dolomiti lucane

Basilicata
Mostra
Dove Andare

Rocca Calascio

Abruzzo
Mostra
Dove Andare

Le antiche miniere di Valle d’Aosta

Valle-D’Aosta
Mostra
Dove Andare

  Newsletter