Stresa: la Regina del Lago Maggiore

Stresa, regina del Lago Maggiore, è situata in magnifica posizione panoramica, sotto le verdi pendici del Mottarone.

 

Le numerose ville, i parchi, i giardini, il lungolago fiorito, lo spettacolo sempre cangiante delle isole Borromee, coronate di monti innevati, fanno di Stresa una delle più importanti stazioni di soggiorno lacuale. Alla posizione privilegiata, al clima fresco d’estate, alla serena bellezza del paesaggio, si accompagnano il conforto di una moderna attrezzatura turistica con i numerosi alberghi di primissimo ordine. Le diverse manifestazioni culturali, sportive e mondane, le numerose conferenze e congressi, richiamano, particolarmente in primavera e autunno, una scelta clientela internazionale.

Stresa è inoltre, geograficamente, base ideale per escursioni paesaggistiche o visite alle numerose città d’arte e monumenti piemontesi, lombardi e svizzeri. Il vicino aeroporto della Malpensa, l’autostrada A26 e la ferrovia internazionale del Sempione facilitano il flusso turistico.

Le Isole Borromee / Shutterstock.com

La Villa Ducale è la più antica villa di Stresa. Situata sul lungolago, fu costruita dalla famiglia Bolongaro intorno al 1770. In seguito divenne dimora dell’abate e filosofo Antonio Rosmini, considerato il maggior pensatore italiano dell’800, presso il quale furono ospitate le maggiori personalità del Risorgimento italiano. Famosi i colloqui e i dialoghi filosofici tra Manzoni e Rosmini.

Nel 1857 la Villa fu eletta a propria residenza da Elisabetta di Sassonia, Duchessa di Genova (da qui il nome di Villa Ducale), la cui figlia Margherita, andata in sposa a Umberto I di Savoia, divenne regina d’Italia.

Dal 1966 la Villa è sede del Centro Internazionale di Studi Rosminiani con il compito di promuovere cultura in generale, il pensiero e l’opera di Rosmini in particolare. Del Centro Studi è visitabile il Museo storico di Antonio Rosmini, la camera di Antonio Rosmini e il parco.

Villa Ducale, Stresa / Shutterstock.com

Una delle principali attrazioni turistiche è andare a visitare le vicine Isole Borromee, raggiungibili tramite numerosi battelli che partono dalla città.

 

Le Isole Borromee

I Giardini barocchi all’Italiana richiama la figura di un vascello solidamente ancorato nelle acque del lago.

Nel 1670 il Conte Vitaliano Borromeo iniziò la costruzione del monumentale palazzo barocco e della maestosa scenografia dei giardini che diedero fama all’Isola e che ancor oggi documentano gli splendori di un’epoca.

I Giardini barocchi nelle Isole Borromee / Shutterstock.com

La dimora dei Borromeo racchiude inestimabili opere d’arte: arazzi, mobili e quadri. I giardini, ricchi d’ogni varietà di piante e fiori rari, si sviluppano a terrazze ornate e sovrapposte, e sono un classico, inimitabile esempio di “giardino all’italiana” dell’epoca. Ottimi sono i ristoranti che offrono l’opportunità di gustare il pesce del lago. L’atmosfera è raccolta, silente, incantata: un giardino di piante rare e fiori esotici nel quale, in piena libertà, vivono pavoni bianchi, pappagalli e fagiani d’ogni varietà, che creano l’incanto di una terra tropicale.

 

Luogo
Piemonte
Parole chiave
itinerario, lago Maggiore, Stresa

Materiali simili

Arte e Cultura

Roma nel cinema: il centro storico

Lazio
Mostra
Dove Andare

Ancona: dall’alba al tramonto

Marche
Mostra
Dove Andare

Assisi da vedere: luoghi da visitare, esperienze da non perdere

Umbria
Mostra
Dove Andare

Laveno-Mombello

Lombardia
Mostra
Dove Andare

Le bandiere blu del Piemonte

Piemonte
Mostra
Arte e Cultura

Sulle tracce russe a Firenze

Toscana
Mostra
Dove Andare

  Newsletter