I confetti di Sulmona

Situata nel cuore dell'Abruzzo, a ridosso del Parco nazionale della Majella, Sulmona (Abruzzo) è nota nel mondo per la secolare tradizione nella produzione dei confetti.

La tradizione della produzione del confetto arriva dai Romani che erano soliti usare confetti per festeggiare unioni e nascite, ovviamente i confetti di allora non erano prodotti con gli stessi ingredienti, infatti al posto dello zucchero veniva utilizzato del miele. Tracce storiche le possiamo ritrovare in scritti riguardanti la famiglia dei Fabi, 447 a.C. e negli scritti di Apicio 37 d.C., amico dell’imperatore Tiberio.

La fabbricazione dei confetti moderni, iniziò a Sulmona nel XV secolo, testimonianze si trovano presso l’archivio del Comune in documenti datati 1492 – 1493 . Altro primato della città di Sulmona è la lavorazione artistica del confetto, infatti presso il monastero di Santa Chiara, sempre nel XV secolo, vengono utilizzati confetti legati con fili di seta, per la preparazione di fiori, grappoli, spighe e rosari.

Il confetto tipico è formato da un nucleo interno, detto anima, costituito da una mandorla intera, del tipo Pizzuta di Avola, sgusciata e pelata, rivestito da strati di zucchero sovrapposti per successive bagnature. Il confetto mantiene la forma del seme di mandorla, fortemente appiattito, con assenza di screziature e lesioni. La superficie esterna è liscia, bianca con riflessi porcellanati. Le dimensioni ed il peso del confetto variano in funzione del calibro della mandorla impiegata. L’anima del confetto può essere costituita anche da altri ingredienti (nocciola, cannella, cioccolato, canditi vari, pistacchio, frutta secca rivestita da strati di zucchero o di cioccolato). Forma e dimensioni del confetto varieranno in tal caso in funzione dell’anima. Per ottenere la zuccheratura vengono utilizzate le “bassine”: caldaie preferibilmente in rame o acciaio dove vengono lavorate le mandorle con lo zucchero.

Si può dire che il confetto accompagna l’uomo in tutti i piu’ più importanti avvenimenti della sua vita e ad ogni colore corrisponde una ricorrenza: sono bianchi i confetti per il Matrimonio, la Prima Comunione e la Cresima. Azzurri o Rosa per il Battesimo. Verdi per il fidanzamento. Rossi quelli per la laurea e variopinti quelli che si usano per festeggiare i compleanni.

Luogo
Abruzzo
Parole chiave
gastronomia, Sulmona

Materiali simili

Enogastronomia

I segreti della pasticceria napoletana

Campania
Mostra
Enogastronomia

Le ricette tradizionali della cucina ferrarese

Emilia-Romagna
Mostra
Enogastronomia

Piatti tipici dell’Abruzzo

Abruzzo
Mostra
Enogastronomia

Il panettone

Lombardia
Mostra
Enogastronomia

I dolci natalizi del sud Italia

Abruzzo, Campania, Calabria, Puglia, Sicilia
Mostra
Enogastronomia

La cucina milanese

Lombardia
Mostra
Enogastronomia

  Newsletter