Il cedro calabrese

Uno dei frutti simboli della Calabria e di tutto il Mediterraneo: il cedro è un agrume che cresce nella zona della Calabria nota come Riviera dei Cedri. Il frutto è sferico, con una buccia rugosa spessa che diventa gialla nella fase della maturazione e dotata di un profumo dolce e inimitabile

 

La pianta che lo origina è un albero a ramificazione bassa, con rami protetti da spine resistenti e lunghe, che lo differenziano dal limone. Presenta foglie coriacee, allungate,con nervatura principale in rilievo, di colore verde più intenso nella parte superiore, e più pallido nella parte inferiore. I fiori del cedro sono bianchi e grandi.

Il frutto è ricco di sali minerali, vitamina C e zucchero, mentre è praticamente privo di grassi e proteine.

Il cedro ha origini antiche. Nella Bibbia viene citato circa 70 volte e descritto come il frutto dell’albero più bello e come il pomo proibito del Giardino dell’Eden. Per questo i rabbini di tutto il modo, ogni estate, tra luglio e agosto, si danno appuntamento proprio a Santa Maria del Cedro. E insieme ai contadini del posto selezionano ad uno a uno i cedri migliori per la festa delle Capanne (Sukkoth).

Secondo un’antica tradizione ebraica, fu Dio stesso a indicare a Mosè, durante l’esodo del popolo ebraico verso la Terra Promessa, il cedro (etròg) come una delle quattro piante da utilizzare in occasione della celebrazione religiosa dei Tabernacoli o delle Capanne. Da allora, ogni anno ad ottobre, gli ebrei obbediscono a Mosè. Per una settimana allestiscono capanne nei giardini o sui balconi, vivono all’aperto. Nei sette giorni, ad eccezione del sabato, portano nella mano destra un ramo di palma assieme a due di salice e tre di mirto e nella sinistra un piccolo cedro. Il popolo ebraico ovunque è passato, dovunque si è fermato nella sua millenaria diaspora, ha sempre portato con sé questo frutto sacro.

La raccolta è un momento speciale: particolarmente faticosa, avviene stando sempre in ginocchio perché le piante sono basse e le spine dei rami acuminati; ma tradizionalmente è anche un momento di festa che richiama curiosi e turisti.

Foto: www.laraandthekitchen.blogspot.it

Foto: www.laraandthekitchen.blogspot.it

Il cedro è molto utilizzato in cucina, sia per la realizzazione di marmellate e conserve, sia per accompagnare piatti di carne o di pesce, oltre che in ambito dolciario (tipiche della Calabria sono le foglie di cedro cotte e arrotolate, ripiene di uva passa e scorza di cedro a pezzi).

Marmellata di cedro e pepe / Foto: www.lady-cake.it

Foto: www.lady-cake.it

Ottimo anche il liquore di cedro, molto aromatico.

 

Luogo
Calabria
Parole chiave
gastronomia, сedro

Materiali simili

Enogastronomia

I segreti della pasticceria siciliana

Sicilia
Mostra
Enogastronomia

La pasta di Sardegna

Sardegna
Mostra
Enogastronomia

L’Enogastronomia della Riviera di Ulisse

Lazio
Mostra
Enogastronomia

Il tartufo nero di Norcia

Umbria
Mostra
Enogastronomia

Sagre italiane di luglio

Mostra
Enogastronomia

Lo zafferano d’Abruzzo

Abruzzo
Mostra
Enogastronomia

  Newsletter