Il prosciutto di Parma

La cura nei dettagli e nelle fasi di stagionatura; la passione per un lavoro antico fatto di antiche tradizioni e tramandato di generazione in generazione; l’equilibrio dei profumi e dei sapori di un terra ricca e generosa; e la qualità e l’attenzione nella scelta della materia prima impiegata. Sono questi gli elementi che fanno del Prosciutto di Parma uno dei prodotti più rappresentativi del Made in Italy e più apprezzati e conosciuti al mondo.

 

Il Prosciutto di Parma (dal latino perexsuctum, letteralmente asciugato) è un prodotto buono, sano e genuino. Da sempre, non si utilizzano né conservanti, né additivi e il risultato è un prodotto gustoso e completamente naturale. A questi due soli ingredienti sono da aggiungere l’abilità dei maestri salatori e l’aria asciutta e delicata delle profumate colline parmensi della zona tipica di produzione. L’unicità di questo territorio, un’area estremamente limitata, è proprio quella di avere delle condizioni climatiche ideali per la stagionatura naturale che darà quell’inconfondibile dolcezza e gusto al Prosciutto di Parma, un prodotto DOP estremamente controllato e legato a un lungo e rigido iter produttivo che si conclude con un attento esame e con la corona ducale impressa a fuoco, un segno inconfondibile che lo contraddistingue e offre sicurezza e garanzia al consumatore sull’assoluta eccellenza e genuinità del prodotto.

 

Il DOP e il territorio

Il Prosciutto di Parma è DOP: una condizione essenziale per ottenere il Prosciutto di Parma è che l’intera lavorazione avvenga in zona tipica: un’area estremamente limitata che comprende il territorio della provincia di Parma posto a sud della via Emilia a distanza di almeno 5 Km. da questa, fino a un’altitudine di m. 900, delimitato a est dal fiume Enza e a ovest dal torrente Stirone. Solo in questa area hanno luogo tutte le condizioni climatiche ideali per l’asciugatura, ossia la stagionatura naturale che darà dolcezza e gusto al Prosciutto di Parma.

 

Il prosciutto di Parma in cucina

Per apprezzarlo davvero il prosciutto di Parma bisogna mangiarlo da solo o accompagnato da burro e pane tostato o con melone, fichi profumati, frutti esotici -es. la papaya- secondo disponibilità locale. Così gustato, è un piatto unico e inimitabile.

Naturalmente i cuochi usano il Prosciutto di Parma anche in preparazioni gastronomiche come ingrediente di grande prestigio e distinzione. Può aggiungere personalità a un piatto semplice o elaborato, di cucina tradizionale o creativa.

Quali vini abbinare? Sia i bianchi che i rossi si accompagnano perfettamente! Un Lambrusco fruttato, una Malvasia secca, una Fortana dolce dei colli parmensi e piacentini sono consorti ideali per il Prosciutto di Parma, ma in qualunque regione d’Italia e del mondo il Prosciutto si sposa meravigliosamente con i vini locali. Per citarne alcuni i rossi di toscana, i bianchi del Veneto o dell’Alsazia, o ancora i vini di Lorena, fino ad arrivare allo Champagne con cui si può ideare un sublime e raffinato banchetto. Inoltre per una miglior scelta va presa in considerazione l’occasione dell’incontro: se si tratta di una matinée sarà più indicato un bianco, se invece si parla di una cena strutturata ci si può concedere un rosso dal bouquet rotondo.

 

Luogo
Emilia-Romagna
Parole chiave
gastronomia, prosciutto

Materiali simili

Enogastronomia

1 ingrediente 3 ricette – I limoni d’Amalfi

Campania
Mostra
Enogastronomia

I dolci tipici della Sardegna

Sardegna
Mostra
Dove Andare

Un weekend a… Ravello

Campania
Mostra
Enogastronomia

La granita siciliana

Sicilia
Mostra
Enogastronomia

Olive taggiasche

Liguria
Mostra
Enogastronomia

Taralli pugliesi

Puglia
Mostra
Enogastronomia

  Newsletter