Il Tartufo d’Alba

Nella città di Alba in Piemonte comincia la stagione del tartufo bianco! In ottobre e novembre, tantissimi intenditori da tutto il mondo vengono qui per provare il fungo più raro e costoso d'Europa, chiamato Tartufo d'Alba.

 

Una città di provincia, solitamente tranquilla e calma diventa affollata, rumorosa e briosa – infatti, le degustazioni di tartufo si trasformano pian piano in quelle di vini locali, la cui reputazione non è inferiore a quella dei tartufi.

Durante le aste del tartufo bianco ad Alba, è difficile trovare una camera libera, per questo motivo è meglio prenotare un albergo in anticipo. Altrimenti, al tuo posto ci saranno chef e star, intenditori e buongustai, nonché tutti coloro che vogliono conoscere e provare questa squisita prelibatezza e capire finalmente la differenza tra il tartufo bianco italiano e quello nero francese.

shutterstock_ Maurizio Milanesio

© Maurizio Milanesio / Shutterstock

Una volta ad Alba, ti immergi subito nell’aroma fortissimo e indimenticabile del tartufo. Esso incorpora tutti gli odori del bosco in autunno: le note più fini delle foglie secche, della terra bagnata dalla pioggia, dell’humus umido, castagne e noci, restituendo un odore molto più intenso. L’aroma dei tartufi freschi è così forte che può far sentire le vertigini ad alcune persone, però è anche per questo motivo che i tartufi sono così apprezzati.

shutterstock_1024898074

Nel passato erano gli aristocratici con i maiali addestrati a cercare questo fungo ipogeo (che cresce sottoterra). Tuttavia, poiché i maiali, dopo aver trovato perfettamente la posizione dei tartufi, vicino alle radici degli alberi, spesso li mangiavano, sono stati sostituiti. Ad oggi i tartufi sono raccolti da cacciatori con licenze e cani addestrati. Trovare il tartufo è un compito piuttosto complicato, delicato e scrupoloso. Ma il risultato ne vale la pena: il prezzo di un tartufo bianco piemontese può raggiungere diverse migliaia di euro al chilo!

shutterstock_1049646194

Quest’anno hai ancora tempo dal 5 al 24 novembre per visitare la Fiera del Tartufo di Alba. Il tartufo è consumato in porzioni piccole e solo in forma cruda. Fettine sottili vengono messe su piatti a gusto neutro: frittate, risotti, paste. Per quanto riguardano i vini, quelli più nobili, nati nella stessa regione, Barbera D`Alba o Asti DOCG, saranno un abbinamento ideale per questa preziosa prelibatezza.

 

Luogo
Piemonte
Parole chiave
gastronomia, tartufo, Torino

Materiali simili

Enogastronomia

Un menu autunnale

Mostra
Enogastronomia

Le erbe aromatiche nella cucina italiana

Mostra
Enogastronomia

Parmigiano Reggiano: 5 cose che non sapevi

Emilia-Romagna
Mostra
Enogastronomia

Le ricette siciliane per non dimenticare l’estate

Sicilia
Mostra
Enogastronomia

3 ricette con i limoni d’Amalfi

Campania
Mostra
Enogastronomia

Il Grana Padano DOP

Emilia-Romagna
Mostra
Enogastronomia

  Newsletter