La carta da musica (pane carasau). Una delizia della Sardegna

Il pane carasau (anche detto carasatu, carasadu o crasau) è un tipico pane sardo, originario della Barbagia (celebri per la loro finezza sono il pane 'e fressa di Ovodda, di Austis e quello di Tiana) e diffuso in tutta la Sardegna, conosciuto con il nome italiano di carta musica (o carta da musica) per la sua caratteristica croccantezza, che ne rende rumorosa la masticazione.

Il termine sardo deriva dal verbo carasare, che significa tostare. Durante sa carasadura il pane viene rimesso nel forno per la cottura finale: tale cottura lo rende croccante.

La sua produzione è concentrata nelle aree interne dell’Isola e in particolar modo in alcuni comuni tra cui Oliena, Dorgali, Gavoi e Desulo, dove sono numerose le donne che ancora producono artigianalmente questo pane.

Límpasto, tipicamente a base di lievito, sale, acqua e farina di grano duro, viene cotto nel forno a legna, in cui brucia legno di quercia o di olivastro. Alcune varianti includono il pane “infustu”, il “guttiau”e il “frattau”.

carasau_3

Il primo è bagnato, cosi’ da permettere di avvolgerlo intorno a salumi affettati e formaggi o essere associata ad altro companatico. Il pane guttiau (in logudorese gocciolato, asperso) viene bagnato con poche gocce d’olio, salata e abbrustolita lievemente in forno o sulla griglia. Una più complessa preparazione tipica è quella del pane vrattau, che assume aspetto simile ad una lasagna al forno. In questo caso la carta musica viene immersa per un tempo brevissimo in acqua salata bollente, per poi essere disposta sul piatto, alternata a strati di sugo di pomodoro e pecorino grattugiato (donde il nome), con l’eventuale aggiunta di un uovo in camicia cotto nella stess’acqua.

Luogo
Sardegna
Parole chiave
gastronomia

Materiali simili

Enogastronomia

Lo zafferano d’Abruzzo

Abruzzo
Mostra
Enogastronomia

La pasta di Gragnano

Campania
Mostra
Enogastronomia

Il Pistacchio di Bronte

Sicilia
Mostra
Enogastronomia

L’aceto balsamico di Modena

Emilia-Romagna
Mostra
Enogastronomia

Grappa, il distillato italiano per eccellenza

Mostra
Enogastronomia

Cosa mangiare a Livorno?

Toscana
Mostra
Enogastronomia

  Newsletter