La cipolla rossa di Tropea

In quasi tutti i piatti della cucina calabrese si trova il gusto dolce e delicato della tipica cipolla rossa di Tropea, coltivata nella zona di Ricadi – Capo Vaticano – Tropea e nei comuni limitrofi.

 

La cipolla rossa ricercata nei mercati di mezzo mondo per le sue qualità nutrizionali e terapeutiche, riconosciute da illustri nutrizionisti. Ricca di potassio, glucosio e sodio, ma povera di grassi, possiede notevoli proprietà antibiotiche, svolgendo, nel contempo, una salutare azione diuretica, curando i reumatismi cronici e preservando da uno dei mali più ricorrenti della nostra società: l’infarto.

Fonti storiche attribuiscono al popolo dei Fenici l’introduzione di questa pregiata varietà sulla fascia tirrenica meridionale della Calabria. Ciò troverebbe conferma nei recenti ritrovamenti archeologici nella zona tra Vibo Marina e Trainiti. Col passare dei secoli questa varietà, adattandosi alle nuove condizioni pedoclimatiche, ha prodotto gli attuali ecotipi dalle forme caratteristiche: tondo piatta o precoce mezza campana o medioprecoce allungata o tardiva.

Il caratteristico sapore dolce della cipolla di Tropea è dovuto al microclima particolarmente stabile nel periodo invernale dovuto all’azione esercitata dal mare.

Usi: Cruda è ottima con le insalate estive di pomodori freschi, olive e origano o per la crostata di cipolle, piatto caratteristico della zona di Tropea.La ricetta:
Frittata di cipolle rosse di Tropea.

Ingredienti: 1 kg di cipolle rosse, 4 uova, formaggio parmigiano, mezzo bicchiere di olio di oliva, sale e pepe.

Procedimento: affettate sottilmente le cipolle di Tropea e lasciatele cuocere in padella per un tempo sufficiente a farle appassire; dopo di che toglietele dal fuoco e lasciatele raffreddare e sgocciolare un pochino. Fatto ciò, aprite le uova in una terrina, sbattetele con una forchetta finché non saranno spumeggianti, con aggiunta di sale, pepe, prezzemolo e parmigiano; unite anche le cipolle e incorporatele con cura. Il composto di uova e cipolla va messo in una padella di adeguate dimensioni e fatto cuocere a fuoco moderato. Infine, tagliate la frittata a spicchi, o create diversi strati, e servitela tiepida.

Luogo
Calabria
Parole chiave
Calabria, gastronomia, Tropea

Materiali simili

Enogastronomia

Lo zafferano d’Abruzzo

Abruzzo
Mostra
Enogastronomia

La pasta di Gragnano

Campania
Mostra
Enogastronomia

Il Pistacchio di Bronte

Sicilia
Mostra
Enogastronomia

L’aceto balsamico di Modena

Emilia-Romagna
Mostra
Enogastronomia

Grappa, il distillato italiano per eccellenza

Mostra
Enogastronomia

Cosa mangiare a Livorno?

Toscana
Mostra
Enogastronomia

  Newsletter