La granita siciliana

La granita è un dolce tradizionale siciliano la cui provenienza risale al passato arabo dell’isola.

 

È una specie di sharbat o dolce ghiaccio spaccato, un rinfresco immediato nelle calde giornate estive. Per i siciliani la granita è un vero rito quotidiano. Per esempio, per colazione al bar ordinano spesso «A granita câ brioscia», scegliendo quella al limone o quella più dolce al pistacchio o alla mandorla.

È proprio la granita siciliana ad essere considerata la progenitrice del gelato italiano, famoso in tutto il mondo. Oggi la granita è un attributo altrettanto insostituibile dell’estate siciliana come la vacanza in spiaggia e roventi venti africani.

La storia della granita conta più di un secolo. Si crede che questo dolce sia apparso tra il nono e l’undicesimo secolo, nel periodo della dominazione araba in Sicilia. Fu proprio questo popolo a portare la ricetta dello sharbat: succo di frutta mischiato alla neve con l’aggiunta dell’acqua di rose. La neve per il richiestissimo dolce si ricavava nella zona del vulcano Etna e dei monti Peloritani, Iblei e Nebrodi, veniva messa nelle nivieri — costruzioni in pietra nelle grotte vulcaniche o artificiali — dove si conservava fino all’estate.

Una curiosità: il mestiere dei nevaroli è esistito in Sicilia quasi fino all’inizio del Novecento. Erano le persone che raccoglievano la neve e ne facevano riserva per l’estate. Con l’avvento dei metodi industriali di produzione del ghiaccio, quest’arte perse la sua utilità e fu praticamente dimenticata. Tuttavia una volta all’anno, a inizio giugno, durante il festival della granita Nivarata ad Acireale, i maestri provenienti da tutta la Sicilia fanno rinascere l’antica tradizione preparando la granita a mano.

Com’è allora, la granita siciliana? Non è un sorbetto né tantomeno il classico gelato!

Per la ricetta originale, l’acqua, lo zucchero, la frutta e gli altri ingredienti vengono congelati in maniera lentissima, mischiando continuamente per non lasciarli gelarsi completamente. È proprio così che si crea la caratteristica consistenza del dolce, cremosa e al contempo friabile, che ricorda i cristalli di neve.

I gusti più amati della granita che vi proporranno senz’altro di assaggiare in Sicilia sono il limone, la mandorla, il pistacchio, il caffè, il cioccolato, la fragola nonché la pesca e il gelso. Non abbiate paura ad abbinare due gusti e colori che vi piacciono, e già che ci siete ordinate anche una fresca brioscia, accomodatevi bene al tavolino proprio in riva al mare e buon gustate il tutto: siete in Sicilia!

 

 

Luogo
Sicilia
Parole chiave
gastronomia, granita

Materiali simili

Enogastronomia

1 ingrediente 3 ricette – I limoni d’Amalfi

Campania
Mostra
Enogastronomia

I dolci tipici della Sardegna

Sardegna
Mostra
Dove Andare

Un weekend a… Ravello

Campania
Mostra
Enogastronomia

Olive taggiasche

Liguria
Mostra
Enogastronomia

Taralli pugliesi

Puglia
Mostra
Enogastronomia

L’olio della Puglia

Puglia
Mostra
Enogastronomia

  Newsletter