Su filindeu: la pasta più rara del mondo

Da oltre 300 anni nel cuore della Sardegna si prepara “su filindeu”, i “fili di Dio”: un tipo di pasta allungata simile ai noodles.

 

La tecnica è antica e complessa. Tramandata di madre in figlia e rimasta immutata fino a oggi, sono ormai rarissime le donne nuoresi che la sanno padroneggiare. La tecnica è così complessa che il famoso chef inglese Jamie Oliver, recatosi in Sardegna per impararla, ha dovuto rinunciare.

L’impasto costituito da semola di grano duro e acqua, viene lavorato a mano fino a renderlo elastico. La pasta ottenuta viene arrotolata e tirata con le mani fino a ottenere tanti fili sottili. Ad ogni ripiegamento i fili di pasta raddoppiano, diventando via via più sottili, fino a diventare spessi come un capello: i fili di Dio, appunto, “su filindeu”.

Non ci sono indicazioni precise, non ci sono tempi né regole scritte: solo l’esperienza permette di capire il momento esatto in cui la massa di farina e acqua è pronta per essere trasformata nei sottili filamenti.

Una volta terminata la preparazione, i fili così ottenuti si mettono su un piano circolare ad essiccare. Il risultato è determinato dalla maestria di chi li lavora. I filindeus vengono utilizzati per la preparazione di minestre a base di brodo di pecora, con l’aggiunta di formaggio fresco.

 

Luogo
Sardegna
Parole chiave
gastronomia, pasta

Materiali simili

Enogastronomia

I segreti della pasticceria siciliana

Sicilia
Mostra
Enogastronomia

La pasta di Sardegna

Sardegna
Mostra
Enogastronomia

L’Enogastronomia della Riviera di Ulisse

Lazio
Mostra
Enogastronomia

Il tartufo nero di Norcia

Umbria
Mostra
Enogastronomia

Sagre italiane di luglio

Mostra
Enogastronomia

Lo zafferano d’Abruzzo

Abruzzo
Mostra
Enogastronomia

  Newsletter