Scoprire l’Italia in bicicletta: le 5 piste ciclabili più particolari

Combinare un viaggio in Italia con uno stile di vita attivo è più facile che mai: le molte piste ciclabili, diffuse in tutto il Paese, permettono, infatti, di praticare il ciclismo tutto l’anno, sia per brevi gite in giornata fuori città, che percorsi adatti anche ai bambini, sia per i più esperti.

 

Essendo impossibile elencare tutti i percorsi principali lungo ‘Lo Stivale’, ci limiteremo a quelli più pittoreschi che mostrano ai nostri occhi la profonda bellezza del paesaggio italiano: dalle montagne mozzafiato del Trentino, alla costa piena di profumi e colori luminosi della Sicilia.

La maggior parte delle piste ciclabili in Italia è dotata di una segnaletica che indichi il percorso, ma, tuttavia, consigliamo di consultare una mappa con il percorso dettagliato prima di mettersi in viaggio, il livello di difficoltà e le condizioni meteorologiche dell’area. Ecco a voi la nostra Top – 5 delle piste ciclabili:

 

La pista ciclabile delle Dolomiti, Trentino

  • Lunghezza: 48 км
  • Livello di difficoltà: facile
  • Dislivello: 650 metri
  • Pendenza media: 5%
  • Periodo consigliato: da maggio a settembre

Probabilmente questa rappresenta la pista ciclabile ideale: una strada immersa nel verde dei prati alpini, con piccoli paesi sullo sfondo e un panorama montano straordinario. E non vi aspetta solo questo nel primo percorso, al cuore delle Dolomiti.

La pista unisce due delle più belle valli delle Dolomiti: la val di Fassa e la val di Fiemme – non esiste possibilità di fare vacanze più ecologiche di questa. Inizia nel piccolo borgo di Alba di Canazei, a un’altezza di circa 1400 metri, e gradualmente digrada verso la val di Fiemme, proseguendo lungo il suggestivo torrente Avisio.

Assicuratevi di avere sufficiente memoria nella vostra macchina fotografica – il desiderio di catturare ogni momento è garantito. Uno dei fiori all’occhiello della zona – il lago alpino di Soraga – si trova a circa dieci chilometri dall’inizio del percorso. All’altra estremità del percorso si trova, invece, un altro ottimo luogo per scattare una foto: la cascata del Rio Val Moena.

Una volta concluso il percorso, è possibile tornare indietro al punto di partenza con uno speciale autobus-navetta, attrezzato per il trasporto di biciclette.

 

La pista ciclabile intorno al lago di Varese, Lombardia

  • Lunghezza: 27 км
  • Livello di difficoltà: facile/avanzato
  • Dislivello: punto più basso – 286 m, punto più alto – 288 m
  • Pendenza media: 0,1%, pendenza massima 22%
  • Periodo consigliato: dalla primavera all’autunno

È un’ottima alternativa per gite in bicicletta di una giornata e uno dei pochi luoghi adatti a una vacanza su due ruote, facilmente raggiungibile con i mezzi pubblici.

Da Milano, si consiglia di raggiungere in treno Gavirate (il treno impiega un’ora e mezza). Per il trasporto della bicicletta occorre pagare tre euro e vanno caricate nel vagone apposito del treno, solitamente in testa o coda.

La passeggiata è adatta per le famiglie, ma tuttavia si raccomanda comunque di tenere conto delle variazioni di pendenza piuttosto frequenti e di diverse salite lungo la strada.

Il percorso si svolge proprio lungo la riva del lago, quindi nel corso del percorso potrete godere di una vista rilassante, riuscendo anche a intravedere le cime del massiccio del Monte Rosa.

Infine, non perdete l’occasione di visitare il Chiostro della chiesa di S.Michele a Voltorre e comprare nelle antiche pasticcerie di Gavirate i tipici dolci, fatti di mandorle e noci, chiamati “Brutti, ma Buoni”.

 

La pista ciclabile Levanto-Framura, Liguria

  • Distanza: 6 km
  • Livello di difficoltà: facile
  • Dislivello: 135 m
  • Pendenza media: 2,4%, pendenza massima 27%
  • Periodo consigliato: da primavera a autunno, d’estate può essere combinata con una vacanza al mare

Il più breve dei nostri percorsi, ma anche il più particolare, è la strada che va da Levanto a Framura.

Questo percorso vi porterà lungo una vecchia linea ferroviaria, posta nel corso dell’Ottocento e rimasta attiva fino agli anni ’70. A causa delle difficoltà nella costruzione della ferrovia, dovute ai numerosi tunnel, il suo progetto fu uno dei più costosi nell’Italia di quel tempo. Ora, seguendo le curve della pista, è possibile immaginare il piacere dei passeggeri di quel treno mentre passava un secolo fa, quando dal buio delle gallerie usciva improvvisamente all’aperto, con il panorama dell’acqua del mare resa scintillante dai raggi del sole.

Questo percorso è meritatamente considerato il più bello e romantico della Riviera Ligure. Durante l’estate, diventa ancora più piacevole per la possibilità di raggiungere alcune spiagge nascoste, alcune addirittura raggiungibili solo dal mare.

 

La pista ciclabile eroica o il giro classico della valle del Chianti, Toscana

  • Distanza: 45-205 km
  • Livello di difficoltà: difficile/molto difficile
  • Dislivello: 700 м
  • Pendenza media: fino al 20% a seconda dei tratti
  • Periodo consigliato: primavera, autunno. La gara si svolge ogni anno all’inizio di ottobre

L’elencazione delle migliori piste ciclabili d’Italia non può di certo tralasciare la splendida Toscana, con i suoi cipressi, le colline e i rinomati vigneti.

A tal proposito, occorre citare la particolare gara di ciclismo chiamata “L’Eroica”, giunta quest’anno alla sua ventunesima edizione.

L’Eroica è una celebrazione del ciclismo, un ritorno alle sue radici. Secondo le regole, possono partecipare solo i possessori di bici antiche, di circa settanta-ottanta anni, con un abbigliamento consono all’epoca della bicicletta e senza alcun uso di tecnologia, al fine di sentire il vero spirito dei pionieri di questo sport.

Il percorso si snoda attraverso i luoghi più suggestivi della Toscana, tra le “valli del vino”, Chianti e Val d’Orcia, e i borghi medievali nel cuore della provincia di Siena.

Per i lettori meno audaci, tuttavia, abbiamo il piacere di aggiungere che l’Eroica, con alcune varianti, diventa la “Classica del Chianti”, un percorso circolare di circa quarantacinque chilometri, permanente e che è possibile fare in ogni momento preferito.

 

La pista ciclabile dell’Isola di Favignana, Sicilia

  • Distanza: 25-30 km
  • Livello di difficoltà: facile
  • Dislivello: 40 m
  • Pendenza media: 6%
  • Periodo consigliato: primavera, autunno

bici-favignana

L’isola di Favignana, appartenente all’arcipelago delle Egadi, non è solo uno dei posti migliori dove andare al mare in Italia, ma anche una delle isole del Mediterraneo più adatte a questo tipo di attività.

Non è grande ed è semplice girarla in bicicletta nel corso di una giornata, tenendo conto anche di un paio di pause per fare il bagno nel mare.

Ci sono due percorsi principali – sulla parte occidentale e orientale dell’isola – che possono essere uniti in un’unica lunga pista ad anello che combina l’attività fisica e la visita delle migliori spiagge, come Cala Rossa e Cala Azzurra. È possibile noleggiare una bicicletta nella maggior parte dei alberghi del luogo con una cartina dei percorsi presenti.

Noi raccomandiamo di evitare la stagione estiva, in particolar modo il mese di agosto, in quanto le alte temperature e il massiccio afflusso di turisti non permettono di godere appieno di questa bellissima zona. Piuttosto scegliete altre stagioni, tenendo presente che a Favignana si può fare il bagno nel mare da maggio a ottobre.

 

 

Luogo
Trentino-Alto-Adige, Lombardia, Liguria, Toscana, Sicilia
Parole chiave
sport

Materiali simili

Dove Andare

Calcio storico fiorentino

Toscana
Mostra
Made in Italy

Le Frecce Tricolori

Friuli-Venezia-Giulia
Mostra
Dove Andare

La Mille Miglia: un viaggio nel tempo

Mostra
Made in Italy

Autodromo Nazionale di Monza: non solo Formula 1

Lombardia
Mostra
Made in Italy

Giro d’Italia: pedalando tra storia, natura e modernità

Emilia-Romagna, Lombardia, Friuli-Venezia-Giulia, Toscana, Calabria, Campania, Abruzzo, Umbria, Piemonte, Veneto, Trentino-Alto-Adige
Mostra
Made in Italy

Correre in Italia. Le 5 maratone da non perdere

Toscana, Umbria, Piemonte, Emilia-Romagna, Lazio
Mostra
Dove Andare
  Newsletter