Un weekend a… Marsala

Marsala è una città di grande fascino. Una città dove arte, storia, archeologia, tradizioni, ma anche mare e natura si mescolano armonicamente, suscitando emozioni uniche e indimenticabili.

 

La città sorge su Capo Boeo, l’estremità più ad ovest della regione, con vista sulle isole Egadi. I suoi 250 km quadrati di estensione presentano un patrimonio culturale e paesaggistico estremamente ricco e variegato, di cui fanno parte le isole dello Stagnone.

Queste ultime costituiscono senz’altro una delle zone più suggestive della città, non a caso riconosciuta come Riserva Naturale Orientata. La più nota delle isole che compongono l’arcipelago è Mothia, che può vantare un patrimonio archeologico di grande valore ed è stata riconosciuta dagli storici come l’insediamento fenicio che diede origine all’attuale città.

 

Il centro

Marsala si sviluppa attorno ai due assi viari dell’impianto originario fenicio e poi romano, il cardo e il decumano (oggi via XI maggio, altrimenti detta il “Cassero”), che si incrociano al centro della città e collegano i quattro antichi ingressi, un tempo caratterizzati dalla presenza di altrettante porte.

Solo due di esse restano ancora in piedi: si tratta di Porta Nuova, ricostruita nel ‘700, e Porta Garibaldi, (un tempo chiamata “Porta Mare”), che l’11 maggio 1860 vide il passaggio dei Mille di Garibaldi che entrava a Marsala. Completavano l’antico quadrilatero Porta Mazara (all’inizio di via XI Maggio) e Porta Trapani (anche detta “Porticella”).

Nel centro storico, cuore della città, si trova Piazza della Repubblica, delimitata da un lato da Palazzo VII Aprile, un edificio imponente, costruito tra il ‘500 e il ‘600 e oggi sede del Consiglio Comunale; dall’altro la Cattedrale o Duomo dedicata a Tommaso Becket di Canterbury, la cui maestosa facciata barocca, è stata ricostruita, a partire dal 1600, sull’impianto normanno del 1176.

A due passi dalla Piazza c’è il Monastero cinquecentesco di San Pietro, nell’antico quartiere ebraico. Più avanti, si trovano invece alcuni palazzi gentilizi di notevole valore architettonico, costruiti in gran parte tra il XVI e il XVIII secolo, ma anche altre chiese e l’ex Convento del Carmine.

 

La costa

A due passi dal centro c’è un’incantevole costa che si affaccia su un mare azzurro e cristallino, meta ideale per chi cerca un’oasi di relax e di svago, come per gli appassionati di vela, kite e windsurf, e per quanti amano godere di spettacolari tramonti magari sorseggiando dell’ottimo vino Marsala o fare una passeggiata in bicicletta lungo la litoranea della Riserva dello Stagnone per ammirare paesaggi incontaminati e le splendide Saline con i Mulini a vento. L’incantevole scenario dello Stagnone consente anche di immergersi in una dimensione fuori dal tempo, gli appassionati di storia e archeologia non possono infatti non rimanere incantati dall’isola di Mozia, uno straordinario museo archeologico a cielo aperto, dove natura e storia si mescolano in un connubbio di grande fascino e suggestione.

 

La Riserva dello Stagnone

La Riserva della Laguna dello Stagnone di Marsala è un luogo magico, fuori dal tempo. Un paesaggio naturale suggestivo, mozzafiato, di rara bellezza per i suoi colori, i profumi, per i ritmi lenti delle onde del mare che dolcemente cullano le piccole barche da pesca, per le emozioni che suscitano i tramonti, per le sue bianche saline con i mulini a vento. È la più vasta della Sicilia ed è caratterizzata da acque molto basse.

 

Mozia e le saline

Visitare Mozia, la magnifica perla al centro della Riserva Naturale dello Stagnone di Marsala e proprio di fronte alle saline, significa immergersi silenziosamente in un tempo antico, dove si respira e si tocca la storia delle nostre origini.

Dopo la sua completa distruzione ad opera del tiranno di Siracusa Dionisio IV nel 397 a.C., proprio nel momento del suo massimo splendore, i superstiti cartaginesi e fenici si rifugiarono sul promontorio di Lilibeo fondando Marsala e abbandonando l’idea di ricostruire la città-isola. Proprio per questo Mozia è giunta a noi quasi intatta, pressoché ferma a quel 397 a.C., e ci ha regalato e continua a regalarci un patrimonio archeologico di immenso valore, sebbene solo in parte tornato sinora alla luce. Per giungere sull’isola è necessario compiere una brevissima traversata partendo da uno dei due moli di fronte ad essa.

 

Il vino Marsala

Marsala è città del vino. Storici stabilimenti e nuove aziende hanno prodotto e producono, con passione e maestria, ottimi vini bianchi, rossi e grandiosi liquorosi, come il nobile vino doc Marsala, noto in tutto il mondo. Qui hanno sede le maggiori aziende vinicole della Sicilia, che meritano senza dubbio una visita.

Qui un approfondimento 

 

Come arrivare

In aereo
L’aeroporto di Trapani Birgi dista solo 15 chilometri dal centro urbano di Marsala.

In auto
Marsala dista appena 17 chilometri dall’ultimo svincolo della A29 proveniente da Palermo.

In nave
Nel porto di Palermo, distante dal centro di Marsala circa 120 chilometri, arrivano i traghetti dai maggiori porti italiani.

foto nello slider © leonori / Shutterstock.com
Luogo
Sicilia
Parole chiave
Marsala, Sicilia, weekend

Materiali simili

Dove Andare

Un weekend in… Carnia

Friuli-Venezia-Giulia
Mostra
Dove Andare

Un weekend a… Varese

Lombardia
Mostra
Dove Andare

Un weekend a… Bologna

Emilia-Romagna
Mostra
Dove Andare

Isole Eolie

Sicilia
Mostra
Dove Andare

Un weekend a… Forte dei Marmi

Toscana
Mostra
Dove Andare

Un weekend a… Villasimius

Sardegna
Mostra
Dove Andare

  Newsletter