Un weekend… a Scilla

È un importante centro turistico della Costa Viola, definita tale per il colore che assumono le acque in determinate ore della giornata. Il Castello addossato alla costa, le casette colorate accostate una all'altra, lo Stretto con la vista della Sicilia fanno di Scilla un paese incantevole.

 

Ricco di storia e di mistero richiama i miti e le leggende di Ulisse con Scilla e Cariddi, di Omero e di Dante Alighieri. Il borgo di Scilla ha origini antichissime riferibili per lo più al periodo della distruzione di Troia.

Il nome è legato alla figura mitologica di Scilla, una giovane ninfa che rifiutava l’amore di Glauco. Questi si rivolse alla maga Circe, innamorata di lui, per far cadere la giovane nelle sue braccia; la maga, offesa per l’affronto subito, avvelenò le acque, dove la ninfa era solita bagnarsi, trasformandole in un orrendo mostro dotato di sei teste di cani, che distruggevano tutte le navi che passavano nello Stretto di Messina.

Vista panoramica della città di Scilla con il Castello Ruffo sullo sfondo di notte / Shutterstock.com

Paese a vocazione turistica, agricola e marinara. Le principali coltivazioni sono costituite dalle olive, dai fichi e dalla produzione ortofrutticola. Pregiati sono gli agrumi. Per ciò che riguarda la pesca c’è da ricordare che qui si praticava, e in minima parte si pratica ancora, la caccia del pesce spada mediante le famose “spadare”.

 

Cosa vedere

Castello Ruffo

L’imponente Castello Ruffo posto sulla “rocca di Scilla” che sovrasta a sud il quartiere di “Marina Grande” (spiaggia delle sirene) e a nord il pittoresco quartiere dei pescatori di Chianalea con le case costruite sugli scogli. Di origine normanna o sveva è, senza dubbio, il monumento più importante di Scilla.

Vista panoramica del Castello Ruffo e del porto di Scilla dal borgo Chianalea / Shutterstock.com

 

Le Chiese

La Chiesa di Maria Santissima Immacolata, edificata la prima volta in età paleocristiana, si presenta oggi nella fabbrica del XX secolo (fu ricostruita anche nel XVII e nel XIX secolo).

Chiesa di Maria Santissima Immacolata / Shutterstock.com

La Chiesa di San Rocco, patrono della città, fu edificata nel XV secolo, ma riportò numerosi e gravi danni nel terremoto del 1908.

 

La Grotta Tremusa

La Grotta Tremusa, posta fuori dal centro abitato, è caratterizzata da numerose concrezioni e da un deposito di conchiglie bianche.

Grotte di Tremusa © metemitimeteoriti.myblog.it

 

San Roberto

L’odierno borgo di San Roberto è stato completamente ricostruito dopo il terremoto di Reggio e Messina del 1908, che rase al suolo il paese. San Roberto vanta un patrimonio naturalistico degno di nota.

Vista panoramica dell’area dello Stretto dove si trova il borgo di San Roberto © villaedintorni.wordpress.com

Immensi agrumeti si stendono sui colli a strapiombo sul mare, sulle montagne si trovano rigogliosi faggeti e incolte vallate donano al territorio un fascino incredibile.

 

Santo Stefano in Aspromonte

È un comune di circa 1.500 abitanti in provincia di Reggio Calabria, nel cuore dell’Aspromonte, a oltre 700 m s.l.m. Le origini del borgo sono molto antiche; secondo alcuni studiosi risalirebbero al periodo della dominazione romana. L’economia è legata principalmente all’agricoltura e all’allevamento.

Vista panoramica di Santo Stefano © strettoweb.com

Da vedere il caratteristico centro storico; la Chiesa Parrocchiale, di antica fondazione, che conserva al suo interno numerose opere di artisti locali; le innumerevoli bellezze naturalistiche, da ammirare grazie a piacevoli passeggiate nella natura incontaminata.

 

Fiumara

È un comune di circa 1.370 abitanti, in provincia di Reggio Calabria. Il piccolo borgo sorge a oltre 600 m s.l.m., nella Vallata di Catona.

Le sue origini sono molto antiche e risalgono all’epoca delle invasioni barbare. L’economia di Fiumara è legata prevalentemente all’agricoltura e all’allevamento. Tra le maggiori produzioni ricordiamo gli agrumi e le olive.

fiumara panorama

Vista panoramica di Fiumara / Shutterstock.com

Da vedere il grazioso centro storico; i ruderi del castello Mediovale, ancora oggi oggetto di scavi; la chiesa parrocchiale, di epoca rinascimentale, che conserva numerose tele; il Convento Benedettino, fondato nell’XI secolo nei pressi di una sorgente termale.

 

La cucina

Broccoletti al forno

Broccoli al forno © agrodolce.it

Pulire, tagliare e bollire i broccoli; addensare burro, latte e farina, salare, pepare con noce moscata. In una teglia coprire i broccoli con besciamella e parmigiano, infornare preriscaldato per 15-20 minuti.

 

Fagioli saltati con cipolla rossa e ‘nduja

Fagioli con ‘nduja © easy.peasy.it

Cuocere i fagioli, soffriggete in olio, cipolla rossa, aggiungete la ‘nduja, i pomodori e mescolate Dopo 5′, versatevi i fagioli e acqua di cottura, salate e cuocete per 15’. Servite il piatto, portando a tavola del pane abbrustolito e strofinato con aglio.

 

Filetto repubblica di sbarre

Filetto con i crciofi e sugo con panna © avionblu.com

Lessate i carciofi puliti, scolateli e tagliateli; snocciolate le olive e tagliatele, cuocere i funghi, con olio, sale e prezzemolo. In una padella ponete olio, burro, cipolla tagliata a dadini e imbiondite; unite e rosolate il filetto infarinato. Unite poi peperoncino, funghi tritati, olive e carciofi. Salate, ed evaporate con il marsala. Impattate il filetto, unite la panna amalgamata al sugo, versate e servite.

Come arrivare

In aereo
Aeroporto di Reggio Calabria: Aeroporto dello Stretto.

In auto
Strade: A3 uscita Scilla.

In treno
FS a lunga percorrenza stazione di Reggio Calabria o Villa San Giovanni. Ferrovie della Calabria stazione di Scilla. Autobus: Da Reggio Calabria, Villa San Giovanni.

Contatti
Comune di Scilla

Si ringrazia il portale: Turismo in Calabria.

Luogo
Calabria
Parole chiave
mare, Scilla, weekend

Materiali simili

Dove Andare

Roseto degli Abruzzi

Abruzzo
Mostra
Dove Andare

Un weekend a… Bologna

Emilia-Romagna
Mostra
Dove Andare

Un weekend a… Marsala

Sicilia
Mostra
Dove Andare

Isole Eolie

Sicilia
Mostra
Dove Andare

Un weekend a… Forte dei Marmi

Toscana
Mostra
Dove Andare

Gallipoli

Puglia
Mostra
Dove Andare

  Newsletter